Sesso sicuro: vademecum estivo della Società Italiana della contraccezione

04 agosto 2014
News

Sesso sicuro: vademecum estivo della Società Italiana della contraccezione



società italiana della contraccezione


Il preservativo è l'unico metodo contraccettivo in grado di contrastare malattie sessualmente trasmissibili (papilloma virus, epatite C, Hiv e così via). Con qualche attenzione: teoricamente i preservativi resistono per 7 giorni a 70°c, ma meglio nei giorni più caldi evitare di custodire i condom nel cruscotto dell'auto o dentro il portafogli.

Il sole è nemico della pillola anticoncezionale: è bene non lasciare il blister nel cruscotto della macchina o sotto il sole. In aereo è meglio portare la pillola con sé nel bagaglio a mano per evitare continui sbalzi di temperatura. Non ci sono problemi di tromboembolismo venoso se la prescrizione è venuta dopo un'attenta valutazione medica. E non prestate orecchio alla leggenda che la pillola possa causare eritemi o eczemi in estate.

Occhio al fuso orario. Se in Italia siamo abituati a prendere la pillola alle 20 e andiamo in un paese dove il fuso orario è avanti o indietro di 2 ore, dovremo prenderla alle 22 o alle 18. Anche se le pillole di ultima generazione hanno una lunga durata in grado di bloccare l'ovulazione fino a 48 ore: variazioni d'orario non clamorose non compromettono il successo del metodo contraccettivo.

Partite con una confezione in più di pillole. Ovunque è richiesta la prescrizione medica: meglio non farsi trovare impreparate.

Diarrea e vomito possono capitare. Nel caso capitino entro 4 ore dall'assunzione del contraccettivo ormonale, bisogna prendere un'altra pillola.

Due leggende da sfatare. La pillola non causa micosi. La pillola non ha interazioni con gli alcolici.

Attenzione invece agli antiepilettici, ad alcuni antibiotici, in particolare rifampicina, ad alcuni antifungini e all'iperico: possono ridurre gli effetti contraccettivi della pillola. Occhio anche al pompelmo e ai rimedi naturali quali l'erba di San Giovanni. Il livello di rischio non è alto, ma sempre meglio associare alla pillola l'uso di un preservativo nel periodo di assunzione di un antibiotico.

Infine, è possibile richiedere la contraccezione d'emergenza a un consultorio o a un ospedale. La "pillola del giorno dopo" deve essere presa entro 72 ore dal rapporto, quella "dei cinque giorni dopo" entro 120 ore.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO
Patologie


Calcolo della data presunta parto
Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
L'esperto risponde