Candida: definizione e quadro clinico

28 settembre 2010
Focus

Candida: definizione e quadro clinico



La candidosi è uninfezione di natura fungina, provocata da funghi o lieviti del genere Candida, in particolare Candida albicans, che può colpire la mucosa orale, il tratto gastrointestinale e la vagina. Linfezione può essere localizzata o estesa, a volte anche sistemica, dipende dalle condizioni del soggetto e del suo stato generale di salute.
Nella forma vaginale, chiamata candidosi vulvovaginale, si manifesta clinicamente con infiammazione e prurito: attorno allapertura vaginale si avverte un dolore fastidioso accentuato dal contatto con lurina e dai rapporti sessuali. Possono essere presenti perdite biancastre (leucorrea) e dense descrivibili come latte cagliato, con un odore che ricorda il lievito. Tutta la zona genitale può essere interessata da eritema, fino alla zona perianale. E uninfezione che può colpire anche i genitali maschili, anche in questo caso il sintomo più importante è leruzione cutanea pruriginosa sul pene.
Quasi il 75% di tutte le donne adulte ha avuto almeno una volta nella vita un episodio di candidosi, mentre negli uomini è più raro che accada. Linfezione compare con maggior frequenza nei soggetti il cui sistema immunitario è debole o indebolito, ma ci sono delle condizioni di maggior rischio come la gravidanza, il diabete, luso di antibiotici ad ampio spettro, uso di farmaci corticosteroidi.



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo della data presunta parto
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
L'esperto risponde