Dolcificanti artificiali, consumo in crescita. Il punto su rischi e benefici

14 agosto 2017
News

Dolcificanti artificiali, consumo in crescita. Il punto su rischi e benefici



Aspartame, sucralosio, stevioside sono solo alcuni dei rappresentanti dell'ampio gruppo di "alternative allo zucchero" oggi disponibili sul mercato, ma i dati scientifici non consentono di dare il via libera incondizionato al loro utilizzo. E come si legge dalle pagine della rivista Canadian medical association journal, i dubbi riguardano l'efficacia di questi prodotti nel tenere sotto controllo il peso, ma anche potenziali rischi di obesità, ipertensione e malattie cardiache.

«L'obesità è una delle grandi sfide della società moderna e sapere che l'eccessivo consumo di zucchero è una delle cause del fenomeno ha fatto crescere la popolarità dei dolcificanti artificiali» esordisce Ryan Zarychanski, della University of Manitoba, in Canada, coordinatore della ricerca, ricordando che nel 2008 il 30 per cento degli statunitensi dichiarava di utilizzare dolcificanti artificiali e che il loro utilizzo è in continua crescita. Per fare chiarezza sull'efficacia e gli effetti a lungo termine di questi prodotti, Zarychanski e colleghi hanno analizzato la letteratura scientifica disponibile sull'argomento e hanno incluso nella loro analisi 37 studi e poco più di 400mila persone seguite per diversi anni.

«Gli studi analizzati non riescono a confermare senza ombra di dubbio che l'utilizzo di questi dolcificanti aiuti a controllare il peso» dicono gli autori, che poi aggiungono: «Inoltre da molti studi emerge il dubbio che i dolcificanti artificiali possano essere associati sul lungo periodo a un aumento dell'indice di massa corporea e del rischio cardio-metabolico».
«Fino a quando rischi e benefici dell'utilizzo di questi prodotti non saranno chiariti è bene non abusarne e consumarli con accortezza» aggiunge Meghan Azad, della University of Manitoba e prima autrice della ricerca che con il suo gruppo sta portando a vanti uno studio per comprendere gli effetti dei dolcificanti artificiali sulle donne in gravidanza e sul microbiota (la "flora intestinale") e il metabolismo dei neonati.

Fonte: CMAJ. 2017 Jul 17;189(28):E929-E939. doi: 10.1503/cmaj.161390


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Alimentazione
21 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea da sottopeso nelle giovani atlete. È rischio osteoporosi
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde