Un percorso beauty antietà con risultati ‘visibili’

11 maggio 2018
News

Un percorso beauty antietà con risultati 'visibili'



Vedere da vicino i risultati che i prodotti democosmetici  producono sulla propria pelle alle diverse età per contrastarne l'invecchiamento è l'obiettivo del progetto MyAgeMyBeauty,  studiato da Avéne con i dermatologi Isplad (Società internazionale di  dermatologia plastica, rigenerativa e oncologica)che hanno coinvolto 55 donne dai 35 ai 65 anni con tipologie diverse di cute, compresa quella sensibile. I risultati di questo programma - iniziato a settembre 2017 per terminare a luglio 2018 - sono stati monitorati scientificamente con un apparato che determina la True Skin Age (cioè l'età biologica della pelle) e daranno vita a una pubblicazione specifica a fine anno. Il sistema di rilevamento Visia-Canfield, infatti, con tecnologia imaging, traduce in indici numerici l'evoluzione di alcuni parametri specifici della pelle come rughe, texture, dilatazione dei pori, macchie UV, macchie iperpigmentate, condizione vascolare, ecc. e ha mostrato come l'epidermide ha risposto al trattamento con specifici prodotti dermocosmetici Avéne (creme giorno/notte, contorno occhi, foto protezione antietà, trattamento intensivo) verificando il cambiamento degli indici nell'arco dei mesi.

Donne testimonial e attivi innovativi


I risultati rilevati dall'apparato e illustrati dalla dottoressa Mariuccia Bucci,dermatologa e segretario scientifico dell'Isplad, durante il loro 5° Convegno nazionale - dopo un solo mese di una beauty routine 'su misura' per ogni donna -, per esempio, hanno mostrato miglioramenti delle rughe da un valore iniziale di  47 a 90 o, dopo 3 mesi, un miglioramento della texture dell'epidermide del 75 per cento o macchie ridotte del 92 per cento e un miglioramento del 64 per cento per quanto riguardava la situazione vascolare.
Come a dire che una delle partecipanti al programma, con l'età di 61 anni, dopo i trattamenti dermocosmetici si ritrova con una pelle di una 51enne oppure che la cute di una 35enne potrebbe ottenere, con alcuni mesi di trattamento,  un'epidermide corrispondente a una donna di 26 anni. 

Gli effetti sulla pelle di alcune delle partecipanti sono anche diventati delle storie raccontate in prima persona di chi si è sottoposto a questo protocollo ma sono anche dovuti alle formulazioni di prodotti antietà  che impiegano attivi innovativi. I prodotti dermocosmetici utilizzati nel protocollo MyAgeMyBeauty, infatti (che potete trovare in farmacia), impiegano Retinaldeide (precursore della Vitamina A, in una forma galenica adatta all'uso dermatologico) ma anche altri attivi ideali per contrastare l'invecchiamento della pelle come l'Oleamide glicil-glicina, che impedisce la glicazione (l'attacco del glucosio al nostro organismo che inibisce la produzione di collagene ed elastina dando luogo a rughe e mancanza di elasticità) o il Pretocoferil che è un precursore della Vitamina E e ha una forte azione antiage o i mono oligomeri di acido Ialuronico e l'Ascofillina, un estratto di alga marina con efficacia antietà. Tutti questi principi, come ha sottolineato Michela Castello, direttore medico presso Pierre Fabre (azienda dermocosmetica proprietaria del marchio Avéne), sono stati testati dalla sua società per creare validi prodotti antinvecchiamento.


Il ruolo di skin trainer del dermatologo


Altrettanto importante, però, è il consiglio qualificato del dermatologo, ha sottolineato il professor Antonino Di Pietro, presidente fondatore di Isplad, che è il vero skin trainer delle persone e, attraverso queste modalità tecnico/scientifiche può mostrare alla sua paziente l'efficacia dei dermocosmetici consigliati, a cui può aggiungere protocolli d'uso e tipologia di applicazione.

Elisa Da Vinci



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Le donne protagoniste della Lierac Beauty Run
Pelle
14 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Le donne protagoniste della Lierac Beauty Run
Fotoprotezione: radiazioni pericolose e sostanze fototossiche
Pelle
12 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Fotoprotezione: radiazioni pericolose e sostanze fototossiche
L'esperto risponde