Tutti pronti al suono della campanella!

07 settembre 2015
Focus

Tutti pronti al suono della campanella!



Back to school


Settembre segna per gli studenti il rientro alle normali attività scolastiche dopo il lungo periodo di riposo estivo. E spesso alla fatica mentale legata al termine delle vacanze, si aggiungono problemi di ordine pratico che possono rendere più pesante o addirittura pericoloso per la salute il rientro a scuola. Ecco allora che intervengono gli esperti, svelando qualche trucco per rendere più dolce e sicuro il rientro sui banchi scolastici.

Ogni anno è la stessa storia: zainetti pesanti come macigni che i bambini sono costretti a portare sulle spalle mettendo a rischio la salute della schiena. «Ho notato un grande aumento del numero di bambini che devono affrontare problemi a schiena, collo e spalle» dice Scott Bauch della American chiropractic association's council on occupational health ricordando che solo nel 2013 oltre 5.400 bambini sono stati trattati nei pronto soccorso statunitensi per problemi causati dagli zaini.

Ma non è solo il peso degli zaini scolastici a preoccupare gli esperti. «A fare la differenza è anche il tempo in cui la schiena è costretta a portare un determinato peso» precisa Riccardo Minola, chirurgo ortopedico del Presidio ospedaliero Capitanio di Milano. Che fare allora? Quali sono le regole da seguire per andare a scuola senza danni alla schiena?

1) Fare in modo che lo zaino non sia più grande (in lunghezza e larghezza) della schiena di chi lo porta e che il suo peso non superi il 10 per cento del peso del bambino. Ciò significa che un bimbo di 30 chili dovrebbe avere uno zaino che non pesa più di 3 chili.

2) Preferire zaini con schienale e bretelle imbottite e portarlo sempre su entrambe le spalle, regolando la lunghezza delle bretelle in modo che lo zaino non scenda per più di 10 cm sotto la schiena del bambino.

3) Meglio optare per uno zaino con tanti scomparti che rende più semplice distribuire il peso di libri e quaderni.

4) Se consentito, lasciare a scuola alcuni dei libri pesanti o dividere il materiale da portare con un compagno.

Una volta sistemata la "questione zaino", sono ancora molti i fattori da prendere in considerazione per garantire che la scuola non sia un peso per la salute degli studenti.
«Quando ci si avvicina all'inizio dell'anno scolastico è importante occuparsi della salute dei nostri bambini e ragazzi» dice Peter Richel, pediatra del Northern Westchester hospital a Mount Kisco, negli Stati Uniti, «i bisogni sono diversi nelle diverse età, ma il principio di base è sempre lo stesso: un bambino più sano è un bambino più felice».

Sonno
E secondo gli esperti statunitensi, il primo fattore da tenere sotto controllo con la ripresa della scuola è il sonno: i bambini devono dormire un numero sufficiente di ore ed è anche importante rispettare una routine fissa negli orari della buona notte e del risveglio.

Esercizio fisico e alimentazione
Da non trascurare poi l'esercizio fisico giornaliero e l'alimentazione, che dovrebbe essere suddivisa in tre pasti principali - colazione inclusa - e spuntini più sani possibile.

Ansia
A volte, di fronte all'inizio delle lezioni subentrano anche problemi psicologici, in particolare l'ansia. «In questi casi è importante che i genitori incoraggino i figli a parlare di ciò che li spaventa o li preoccupa per poter prendere poi le misure più adatte a risolvere il problema». «E attenzione a non mettere troppa pressione ai ragazzi, poiché potrebbe essere controproducente» prosegue Richel, spiegando ai genitori che la migliore strategia è incoraggiare bambini e ragazzi a fare del proprio meglio.

Viaggio casa - scuola
Infine, da non trascurare nemmeno il viaggio tra casa e scuola che deve essere effettuato in piena sicurezza, sia che preveda l'uso dell'autobus, sia - per i ragazzi più grandi - della propria automobile.


Potrebbe interessarti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Epistassi, come comportarsi
Infanzia
03 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Epistassi, come comportarsi
L'esperto risponde