I medici del futuro a scuola di dolore

18 novembre 2015
News

I medici del futuro a scuola di dolore



scuola medici


La terapia del dolore è un argomento su cui i futuri medici rischiano di essere impreparati: la tematica, infatti, risulta poco presente nei programmi dei corsi di laurea e addirittura marginale nell'ambito delle scuole di specializzazione. Per confrontarsi su casi clinici reali, prendere in esame le diverse forme di dolore e condividere spunti di riflessione utili alla definizione di un approccio comune al paziente che soffre, oltre 80 studenti, provenienti da 45 scuole di specializzazione di tutta Italia, si sono riuniti nell'ambito del Campus NienteMale 2015, promosso da Angelini.

L'evento ha visto gli specializzandi impegnati in un percorso formativo che ha posto l'accento sulla multidisciplinarietà: il dolore, infatti, è un tema trasversale ai diversi ambiti della medicina e, per questo motivo, Campus NienteMale ha coinvolto specializzandi in Anestesia e rianimazione, Emergenza urgenza, Oncologia, Ortopedia e Reumatologia.

«Abbiamo assistito a una positiva 'contaminazione' tra competenze mediche eterogenee. Per i diversi specialisti, infatti, è cruciale pervenire a un approccio comune al paziente con dolore, oltre alla capacità di fare squadra, nell'ottica di un percorso di cura integrato, evitando sovrapposizioni e interazioni tra farmaci» ha dichiarato Gian Franco Gensini, Direttore del Campus e Professore di Medicina interna all'Università di Firenze.
Un altro aspetto su cui si è lavorato al Campus è quello relativo alla medicina personalizzata. «Il trattamento di ogni malattia, e quello del dolore in primis, è una questione individuale. Come ha ribadito anche Barack Obama in merito alla Precision medicine initiative, oggi è sempre più necessario saper fornire un'assistenza 'su misura', dando al paziente giusto il giusto farmaco, nella giusta dose, al momento giusto. E la terapia può essere fatta su misura solo se il clinico sa andare oltre gli aspetti clinici, tenendo in considerazione anche componenti psicologiche e valori religiosi del singolo paziente. Questo tipo di rispetto è la premessa per un'alleanza terapeutica davvero efficace» ha precisato Gensini.

«La scuola di specializzazione in Anestesia e rianimazione ha nel core curriculum l'insegnamento della terapia del dolore» ha dichiarato invece Guido Fanelli, membro del board scientifico di Campus NienteMale e Ordinario di Anestesia, rianimazione e terapia antalgica all'Università di Parma. «Grazie a questa importante iniziativa formativa, è stato possibile sensibilizzare studenti provenienti da altre scuole di specializzazione alla complessa problematica della sofferenza, che sarà una delle più frequenti nella loro pratica clinica quotidiana» ha evidenziato Fanelli.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Ultimi articoli
L'esperto risponde