I buoni propositi per perdere peso? Mantenerli si può, ecco come

01 marzo 2016
News

I buoni propositi per perdere peso? Mantenerli si può, ecco come



I buoni propositi per perdere peso? Mantenerli si può, ecco come


"Da gennaio comincio ad andare in palestra e mi rimetto in forma". Una frase ripetuta spesso ma che non si traduce quasi mai in un comportamento salutare che dura nel tempo. «Quando si parla di movimento e attività fisica, il più delle volte si inizia l'anno carichi di entusiasmo, ma dopo qualche tempo si torna alle vecchie abitudini dimenticando tutti i buoni propositi» spiega Emily Dhurandhar, che si occupa di scienze della nutrizione presso la Texas Tech University, negli Stati Uniti. La buona notizia è che riuscire nell'intento di condurre una vita più attiva si può e non serve un grande sforzo.

«Innanzitutto bisogna porsi obiettivi raggiungibili ed essere assolutamente certi di poterli raggiungere» spiega la ricercatrice ricordando che spesso questa sicurezza arriva da esperienze passate andate a buon fine. E poi c'è la costanza, senza la quale non è possibile raggiungere un traguardo. «Si tratta di un impegno lungo e il nome del gioco nel quale si è coinvolti è proprio "costanza"» dice Dhurandhan, «è molto meglio correre un paio di chilometri al giorno per un anno intero che provare a correre 5 chilometri al giorno e smettere dopo il primo mese».
Ma tutto questo non basta. Come spiegano gli autori, non bisogna pensare di riuscire con il solo esercizio a perdere molto peso, anzi una simile idea potrebbe portare addirittura a frustrazione e delusione. «Per avere successo nel perdere peso e mantenere i risultati raggiunti, è fondamentale associare all'esercizio fisico anche cambiamenti significativi nell'alimentazione» precisa l'esperta suggerendo di consultare un nutrizionista per capire quali sono le scelte alimentari più corrette. Infine, ma non certo meno importante, è fondamentale tenere gli occhi aperti sul proprio umore. «Ansia e depressione sono alcune delle principali motivazioni per cui la gente smette di fare esercizio e in questi casi serve l'aiuto di uno specialista» dice Dhurandhan. «Anche il supporto di amici e familiari e la certezza di avere il tempo necessario per seguire il programma di esercizi non possono mancare se davvero si vuole riuscire nel proprio intento».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde