I videogames non ringiovaniscono il cervello

28 aprile 2010
News

I videogames non ringiovaniscono il cervello



Videogiochi che mettono alla prova intelligenza e capacità logica non migliorano né la memoria né le altre funzioni cerebrali. Così almeno rivelerebbe uno studio condotto dalla Bbc. Il campione selezionato - più di undicimila persone, scelte tra gli spettatori della programma scientifico "Bang goes The Theory" - è stato diviso in tre gruppi: due hanno giocato regolarmente per sei settimane ai videogame che promettono di "ringiovanire" la mente (10 minuti al giorno per tre giorni alla settimana); il terzo si è limitato a trascorrere lo stesso periodo di tempo navigando su Internet. Alla fine del periodo di osservazione, i componenti dei primi due gruppi hanno rivelato una spiccata dimestichezza con i giochi, che gli consentiva di ottenere punteggi progressivamente migliori. Ma un'ampia serie di test, ha comunque escluso progressi nelle loro capacità mentali. «Sono state valutate le capacità di ragionamento, di pianificazione e di risoluzione dei problemi, ma anche la memoria a breve termine, l'attenzione e l'abilità matematica» ha spiegato Adrian Owen, neuroscienziato del Medical Research Council che ha messo a punto i test di misurazione «e non abbiamo riscontrato differenze statisticamente significative tra i primi due gruppi e il terzo». Ulteriori ricerche valuteranno se questi giochi hanno un effetto antinvecchiamento per il cervello, contribuendo a mantenerlo in forma nonostante l'avanzare dell'età.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
L'esperto risponde