Troppi spot per i più piccoli

06 maggio 2010
News

Troppi spot per i più piccoli



I bambini italiani sono sovraesposti agli spot che reclamizzano cibi e bevande. A dirlo è una ricerca condotta dall'università di Roma Tre con la collaborazione dell'Osservatorio di Pavia per accertare gli effetti della pubblicità sulle abitudini alimentari delle generazioni più giovani: un bimbo che sta davanti alla tv per tre ore al giorno viene bersagliato in un anno da 32.850 annunci pubblicitari, in media uno ogni cinque minuti. Per gli esperti i dati individuano una correlazione tra pubblicità e cattive abitudini alimentari, la cui diffusione è testimoniata dal fatto che il 30% dei bambini italiani è obeso o sovrappeso. «Il 36% degli spot» ha sottolineato Valeria Del Balzo, docente del dipartimento di Scienze dell'alimentazione alla Sapienza, nel suo intervento alla IV edizione di Nutrimi, il convegno internazionale di Nutrizione pratica organizzato a Milano «pubblicizza alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sali. L'esposizione alla pubblicità aumenta il consumo di tali alimenti a prescindere dagli stimoli provenienti dall'appetito». Secondo l'esperta, inoltre, la pubblicità scaccerebbe le buone abitudini: «Altri studi» ha proseguito Del Balzo «hanno mostrato che per ogni ora trascorsa davanti alla tv i bambini riducono il consumo di frutta e ortaggi di 0,14 porzioni al giorno». La ricerca dell'università di Roma Tre, chiamata non a caso "In bocca al lupo" e condotta in undici paesi europei, ha messo anche in luce l'eccezionalità della realtà italiana: se nel nostro paese l'indice di affollamento pubblicitario nella fascia oraria tra le 16 e le 19 è di uno spot ogni cinque minuti, negli altri paesi si ferma a uno ogni dieci minuti.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Alimentazione
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integrazione home made per l'attività fisica ricreativa
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
L'esperto risponde