L’orario di ingresso a scuola va ritardato

16 luglio 2010
News

L'orario di ingresso a scuola va ritardato



E' sufficiente ritardare di una mezz'oretta l'entrata nelle aule per constatare un netto miglioramento delle prestazioni scolastiche negli studenti. E' questo il risultato di uno studio pilota statunitense condotto su 201 alunni, di età compresa tra i 9 e i 12 anni, di una piccola scuola privata di Rhode Island. La ricerca parte da una semplice considerazione: un adolescente deve dormire almeno 9 ore per notte. Tenendo conto che mediamente non va a letto prima delle 23, non si dovrebbe alzare prima delle 8 del mattino. Ecco allora che ai ragazzi coinvolti nella ricerca è stato permesso per due mesi di dormire di più al mattino e posticipare l'orario di ingresso a scuola. I risultati sono stati eclatanti: la percentuale di chi si sosteneva di non aver dormito abbastanza è risultata più che dimezzata. Inoltre, si è registrato una netta riduzione della sonnolenza diurna e un miglioramento dell'umore, con evidenti ripercussioni positive sul profitto scolastico. «Quanto riscontrato con questa ricerca è molto significativo e va tenuto presente nelle scelte future a proposito di orario di apertura delle scuole», commenta Judy Owens, dell'Hasbro Children's Hospital. «Se gli studenti dormono di più al mattino si presenteranno a scuola più riposati e, di conseguenza, meglio predisposti all'apprendimento».

Arch Pediatr Adolesc Med 2010; 164 (7): 608-614


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
L'esperto risponde