Sedati al volante pericolo vagante

21 ottobre 2010
News

Sedati al volante pericolo vagante



L'assunzione di benzodiazepine mette a rischio le capacità di guidare l'auto aumentando il rischio più del consumo di alcol. Lo ha verificato uno studio dell'Istituto per la respirazione e il sonno di Melbourne: chi ha assunto dosi di farmaco sopra gli standard, registra una disabilità moderata alla guida ancora nel pomeriggio successivo. Gli studiosi guidati da Mark Howard, che ha presentato la ricerca a una conferenza sul sonno a Christchurch in Nuova Zelanda, hanno valutato il comportamento di un campione di 18 conducenti a cui è stato somministrato alcool o benzodiazepine, o ridotto il sonno notturno a quattro ore. Li hanno poi posti alla prova con simulatori di guida per 60 minuti, per due volte a distanza di una settimana. Quelli che avevano assunto i farmaci reagivano molto più lentamente nel frenare, avevano difficoltà a tenersi in corsia, non riuscivano a mantenere una velocità appropriata e spesso si scontravano con altri veicoli. Inoltre trascorrevano più tempo con gli occhi chiusi. «Va considerato che molte di queste persone hanno più di un problema», ha spiegato Howard. «Se qualcuno non dorme bene, può anche bere alcool e prendere sonniferi, così il rischio di amplifica», ha aggiunto.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
L'esperto risponde