Chi dice alcol dice danno

05 novembre 2010
Focus

Chi dice alcol dice danno



di Simona Zazzetta

Sotto il controllo della legislazione in materia di sostanze stupefacenti, finiscono le cosiddette droghe illegali, come cocaina, eroina, metamfetamine e cannabis, di cui è vietata detenzione, vendita e produzione. Ne restano, invece, escluse sostanze come alcol e tabacco, a cui si applicano restrizioni di tipo commerciale. Ma da uno studio pubblicato da Lancet, condotto in Gran Bretagna emerge che proprio l'alcol è la sostanza più dannosa di tutte, per il singolo e per la società.

A questa conclusione, i ricercatori, guidati da David Nutt, ex consulente governativo proprio per la lotta alla droga, sono arrivati usando un approccio di analisi di tipo multicriteriale (Multi-criteria decision analysis - Mcda) adottato solitamente per affrontare temi caratterizzati da obiettivi conflittuali, per esempio sullo smaltimento delle scorie radioattive. In questo caso, un comitato scientifico indipendente di esperti ha identificato 16 criteri di valutazione del danno provocato da 20 tipi di sostanze che hanno un'azione sul sistema nervoso (psicotrope), tra cui alcol, eroina, crack, cannabis, funghi allucinogeni, Lsd, benzodiazepine e altre. I danni provocati sono stati distinti: quelli provocati a chi assume la sostanza, come mortalità e danni specifici per il tipo (per esempio: dosi letali, incidenti stradali, suicidio, cirrosi, cardiomiopatie ictus), dipendenza, danni neurologici, perdite materiali (del lavoro, del reddito, della casa e detenzione per crimini) e delle relazioni sociali. Con una seconda categoria si identificano i danni provocati agli altri: violenza, danni al feto, incidenti stradali, trasmissione di malattie virali, crimini, danni ambientali (aghi abbandonati, presenza di sostanze tossiche nei rifiuti), e familiari (separazioni, erosione del patrimonio, infanzia e futuro negati ai figli), costi economici, ampliamenti di mercati illeciti a livello internazionale, oneri sulla comunità. Considerando quindi le due categorie di criteri e distinguendo in danni fisici, psicologici e sociali, per ogni sostanza è stato assegnato un punteggio da zero (nessun danno) a 100 (danno più alto). Il maggior danno al consumatore è risultato derivare da eroina (punteggio 34) crack di cocaina (37) e metamfetamine (32) e il maggior danno agli altri è risultato associato a alcol (46), crack (17) ed eroina. Combinando i due tipi di punteggio, la sostanza più dannosa era l'alcol (72) seguito, a una certa distanza da eroina (55) e crack (54).

Uno studio simile era stato realizzato degli stessi ricercatori qualche anno fa, ma con risultati diversi che non ponevano l'alcol al primo posto, per tossicità e potenziale d'abuso: «Di certo non è cambiata la base farmacologica e tossicologica che definisce la pericolosità dell'alcol e delle altre sostanze» spiega Felice Nava, membro del Consiglio direttivo nazionale di FeDerSerD, Federazione italiana degli operatori dei dipartimenti e dei servizi delle dipendenze, «ma è noto che le sostanze psicotrope hanno un potenziale d'abuso che si esplica in ragione delle modalità d'uso e del contesto e ciò che oggi porta l'alcol in testa alla classifica di pericolosità sono fattori, mutati nel tempo, come la pressione sociale, la maggiore disponibilità e le modalità d'uso. È, infatti, in aumento il consumo di alcol da parte dei giovani, con modalità compulsive (binge drinking) concentrate nel week end finalizzate allo sballo, spesso associato ad altre sostanze». Eppure sono in molti nel panorama scientifico italiano a considerare inadeguate l'informazione e l'educazione sull'uso di alcol rivolto ai giovani: «L'alcol come sostanza legalmente commercializzata» aggiunge Nava «rientra in logiche di lobby che rendono impossibile la regolamentazione del mercato e non si riuscirà mai a ottenere l'apposizione di etichette che dicono "nuoce gravemente alla salute" come per le sigarette, come non è stato possibile vietare spot pubblicitari di alcolici fino alle 18». Non potendo pensare a una messa al bando dell'alcol, peraltro componente importante della dieta mediterranea e della cultura del benessere, è di fondamentale importanza che passi proprio a livello culturale la pericolosità del suo cattivo uso, soprattutto tra i giovani, target commerciale attraente proprio perchè molto vulnerabile.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
L'esperto risponde