L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute femminile

19/06/2005 08:22:37

Nuovi chiarimenti

Gent. dott. Di Grazia e Dott. Beretta vi porgo nuovamente delle domande alle quali spero tanto che possiate rispondere.
Ho quasi 51 anni ed alcuni mesi fa vi scrissi per avere alcuni chiarimenti in seguito al risultato dell'esame istologico da me effettuato in seguito ad un intervento da me subito nel mese di dicembre scorso alle ovaie in la paroscopia; dubbi che chiariste in modo gentile e chiaro. Ora ho altre domande da farvi sempre riguardo il risultato dell'esame istologico.
Per effettuare tale esame fu inviato il seguente materiale:
A- annesso si sx. B. Cisti ovaricadx.
Il risultato dell' esame istologico fu il seguente:
Diagnosi codificata:
T87000
M33400
Diagnosi in chiaro:
A.B- Cisti paramesonefrica annessiale destra e sinistra.
Adesso vorrei un chiarimento riguardo la diagnosi codificata: cosa significano T87000 ed M33400, in particolare perchè l'uso di queste lettere e numeri? Se una delle cisti, in particolare la sinistra fosse stata leggermente borderline o avesse incominciato a degenerare sarebbe indicato nell'esame istologico?
Aspettando una vostra gentile risposta vi progo i miei saluti e ringraziamenti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/06/2005

Gentile Signora,
prima di tutto le chiedo il perchè lei non si è fatta chiarire i suoi dubbi dal medico curante o da chi l'ha operata, solo chi conosce bene il suo caso può darle spiegazioni complete. Quei codici sono relativi (potrei sbagliarmi) al laboratorio di istologia che ha effettuato l'esame, corrispondono esattamente alla diagnosi in chiaro. Per migliorare l'archiviazione dei dati e la loro ricerca si preferiscono i codici alle diagnosi complete. Se la diagnosi in chiaro dice chiaramente che si tratta di cisti paramesonefriche non c'è motivo di pensare che possa trattarsi di altro o di forme maligne. Parli comunque con il suo medico, avrà le idee sul suo caso sicuramente molto più chiare delle mie.
Cordiali saluti.


Dott. Salvatore Di Grazia
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Ginecologia e ostetricia
CATANIA (CT)


Altre risposte di Salute femminile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra