L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

23/04/2008 11:01:38

Occhio bionico

Sono affetto da retinopatia diabetica, da 10 anni vorrei sapere e possibile utilizzare l'occhio bionico anche per una persona con la mia patologia, facendo oggi parte delle persone ipovedenti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/04/2008

Carissimo,
le ultime accelerazioni massmediatiche sull'argomento dell'occhio bionico hanno fatto sognare molte persone-
Intanto l' «occhio bionico» registrerà immagini in movimento attraverso un dispositivo che è composto da una videocamera installata su speciali occhiali che trasmette segnali via radio in bianco e nero e le passerà, tramite un trasmettitore wireless, a un dispositivo elettronico inserito a livello della retina. Da lì, attraverso il nervo ottico, i segnali elettrici arriveranno al cervello che provvederà a trasformarli in immagini, permettendo ai ciechi di vedere, per quanto in modo rudimentale.
Composto da un microchip e una videocamera installata su speciali occhiali, l'occhio bionico funziona azionando i nervi ottici al fine di ''far credere'' al cervello umano che l'occhio, seppur irreparabilmente danneggiato, in realtà funziona regolarmente. Le immagini filmate dalla telecamera vengono prima codificate da un minicomputer, anch'esso montato sugli occhiali, quindi inviate wireless ad un microchip, inserito all'interno del bulbo oculare. Il microprocessore ha il compito di stimolare le terminazioni nervose dell'occhio, attraverso le quali, infine, il cervello ricostruisce approssimativamente l'immagine originariamente catturata dalla lente della telecamera.
I primi a testare questa nuova tecnologia sono stati due pazienti inglesi affetti da retinite pigmentosa, una malattia ereditaria che colpisce la retina ma, alla fine delle ricerche, l’operazione dovrebbe essere disponibile anche per risolvere problemi legati alla vecchiaia. L’intervento, condotto a livello sperimentale al Moorfield Eye Hospital di Londra.
Ora il principale problema è come addestrare il cervello a riconoscere determinati messaggi.Si tratta di una rivoluzionaria conquista tecnologica, potenzialmente destinata a cambiare la vita a migliaia di persone. Ma dobbiamo anche essere consapevoli che siamo ancora lontani dalla soluzione finale.
QUINDI ......MAI DIRE MAI!!!!


Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it




Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra