L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

18/05/2008 15:33:02

OCCHIO ROSSO DA TRE MESI

Gentili dottori, l'odissea di mia zia inizia nel mese di febbraio 2008 quando, in seguito ad una folata di vento, un corpo estraneo entra nel suo occhio. Dopo qualche giorno (11 febbraio) un oculista glielo ha estratto, non ha rilevato aumento nella pressione endooculare e le ha prescritto:
- Netildex (3 volte/di per una settimana, poi 2 volte per la successiva e 1 volta al di per la settimana dopo)
- Virgan (4 volte al di)
Dopo di che l’occhio è diventato completamente rosso e l’oculista le ha prescritto (19 Marzo):
- Alfaflor coll (3 volte/di per una settimana, poi 2 volte/di per la sett dopo e 1 volta per la sett successiva).
A questo punto, se non ricordo male, inizia a formarsi un anello opaco intorno all’iride mentre l’arrossamento continua a persistere. In più la vista comincia a farsi annebbiata. Non avendo risultato alcuno cambia oculista (11 Aprile) che rileva una pressione endooculare alta e le prescrive:
- Luxazone collirio (3 volte/die)
- Okacin collirio (3 volte/di)
- Timoptol (2 volte)
e dopo 10 gg, poiché lo stesso arrossamento permaneva:
- Virgan gel (4 volte/die)
- Timoptol (2 volte)
Nel frattempo l’occhio continua a restare rosso senza manifestare miglioramenti. Dopo altri 10 giorni circa (29 Aprile) le viene prescritto:
- Virgan e Timoptol (2 volte);
- Vismed collirio (3 volte).
Nessun miglioramento. Torna quindi dall’oculista la settimana dopo (6 Maggio) e questa volta le viene prescritto:
- Lipovisc gel (3 volte al giorno);
- Timoptol (2 volte);
- Pensulvit pomata oftalmica (la sera).
Nessun miglioramento e la cornea continua a opacizzarsi sempre di più. Dopo 4 giorni (10 Maggio) le prescrivono:
- Filme ophth (3 volte al di)
e la indirizzano presso un ospedale di un’altra città per una microscopia confocale e visita da parte di un altro medico che scrive la seguente diagnosi: “Forte iperemia congiuntivale, cornea opaca con leucoma centrale e disepitelizzazione centrale che va da ore 3 fino al centro della cornea. Importante edema corneale” e prescrive:
- Atropina collirio (3 volte/di)
- Luxazone (4 volte)
- Lamebact(4 volte)
- Tobral pomata (2 volte)
- Virgan (4 volte)
Sostenendo di aver optato per una cura cosi pesante perché il motivo di quanto accadeva all’occhio era ignoto. Questa cura dovrà essere sostenuta fino a martedì giorno 20 quando ci sarà il controllo e si deciderà se scalare o rinforzare la cura. Dopo di che a quanto pare ci sarebbe solo il trapianto di cornea come ultima possibilità. Cosa ne pensate? Ci sarebbe qualche esame diagnostico che sarebbe il caso di fare per escludere che la responsabilità sia piuttosto di un microorganismo? Sono piuttosto preoccupata, sia per il fatto che mia zia non vede più da quell’occhio (se non ombre) sia per l’arrossamento che dura ormai da tre mesi! C'è la possibilità che la vista ritorni in seguito ad un intervento più mirato? Vi ringrazio anticipatamente.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/05/2008

Carissima,
prima di tutto COMPLIMENTI per la dettagliata descrizione clinico-anamnestica!!!!!
La sua storia è abbastanza complessa .
Con una cornea così ridotta ed un ipertono secondario monolaterale si deve pensare anche ad un' Uveite disreattiva di tipo ipertensivo.
Bisognerebbe conoscere lo stato antomico della camera anteriore e dell'umore acqueo,l'angolo camerulare ed il vitreo.
Poi bisognerà pensare ad intervenire chirurgicamente per i leucomi corneali e per le situazioni anatomofunzionali correlate.

Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it

Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra