L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Pelle

07/06/2008 02:55:24

Orticaria persistente

Da 6 giorni sono affetto da chiazze rosse diffusesi prima a partire dagli arti (prima inf. e sup.) poi al tronco con foruncolini rossi e infine rossore al viso. Assenza di prurito.
Su indicazione medica ho assunto:
1° giorno - Bentelan da 4mg intramuscolo h. 14 + Bentelan da 1,5 mg la sera.
2° giorno - un antistaminico orale di ebastina + 1 Bentelan intram. da 4 mg la sera.
3° giorno - non ricevendone benefici mi sono recato da un dermatologo che ha fatto la diagnosi, in oggetto, e mi ha prescritto la seguente terapia: Solu Medrol intram. da 40mg mattina e sera + Trimeton intram. la sera.
4° giorno - terapia come da precedente.
5° giorno - nella notte aritmie al cuore mi hanno condotto di nuovo dal dermatologo che mi ha diminuito il dosaggio del Solu Medrol a 20mg intram. mattina e sera e tolto il Trimeton.
Faccio presente che i fastidi al cuore li ho avuti per l'intera 5^ giornata e si sono calmati solo a sera.
Con la terapia iniziale però si attenuava il rossore diffuso e le chiazze, sul viso, nel tronco e sulle gambe.Meno nelle braccia.
6° giorno - in nottata ripresa a difondersi rossore più marcato nelle braccia e gambe con sensazione di bruciore sulla pelle e sporadico prurito.
Copertura gastrica con Mepral da 20 al dì.
Cosa mi consiglia di fare per risolvere la situazione?
Questa sintomatologia può mascherare altri problemi?
Da giovane soffrivo di allergie primaverili con problemi di riniti frequenti e stagionali.
Mai avuto questo tipo di reazioni o problemi sulla pelle.
Ringrazio per la cortese attenzione. Antonio.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/06/2008

Tra gli effetti collaterali della terapia con corticosteroidei bisogna annoverare l'accumulo di sodio la perdita di potassio. Cio' puo' comportare un rialzo pressorio e aritmie cardiache. Pertanto l'assunzione di potassio puo' svolgere un'azione protettiva. Per quanto concerne l' Orticaria , l'uso dei cortisonici in un' Orticaria acuta e intensa e' pienamente giustificato. Inoltre, come ha pensato lei stesso, questa -novita'- puo' essere legata a qualche altra patologia, per cui, perche' non approfittare per fare un bel Check-up?

Saluti
giosp@giosp.it
http://www.giospt


Dott. Giovanni Sportelli
Specialista attività privata
Specialista in Dermatologia e venereologia
GROTTAGLIE (TA)


Altre risposte di Pelle







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra