02/02/07  - Osteocondrite femorale - Scheletro e Articolazioni

Osteocondrite femorale




Domanda del 02 febbraio 2007
Egr. Dottore, volevo chiederle un parere sul problema di mio figlio di anni 14. Circa 3 anni fa - fine 2004 - (a 11 anni) casualmente, per un dolore al ginocchio sin , ha effettuato un esame Rx sia a dx sia a sin. Il referto rx evidenzia una piccola area osteolitica in sede sovracondiloidea del femore dx e nessuna altra alterazione bilateralmente ( nel ginocchio dx non lamentava dolore). L'ortopedico consultato scrive osteocondrosi dell'adolescente, ci spiega la patologia e ci tranquillizza dicendo che con la crescita potrebbe regredire. Consiglia un nuovo controllo dopo un anno. All'inizio del 2006 nuovo controllo con RMN al ginocchio dx che conferma "in corrispondenza del condilo femorale interno si rileva un focolaio di sofferenza osteocondrale con maggior asse di 15 mm. e una verosimile lesione del ligamento crociato anteriore (quest'ultima lesione alla successiva visita ortopedica si rivela un falso positivo). L'ortopedico consultato (un altro) parla di osteocondrite dissecante ginocchio dx stabile, non prescrive nessuna terapia e consiglia un controllo fra un anno. A gennaio 2007 decidiamo con mia moglie di controllare anche il ginocchio sin. anche in considerazione del fatto che nell'ultimo anno mio figlio ha avuto una discreta crescita rispetto al passato. Il ragazzo (adesso 14 anni) effettua una RMN a dx e a sin. Questo l'ultimo referto:: Sia nel ginocchio dx che nel ginocchio sin presenza di lesione osteocondritica sul margine articolare inferiore del condilo femorale mediale con massima estensione superficiale di mm 20 (sia a dx che a sin) e interessamento del tessuto osseo subcondrale per una profondità di mm. 10 a sin e mm 6 a dx con lieve edema del tessuto osseo spongioso. Modesto versamento fluido retro-rotuleo e retro-quadricipitale. Le sarei grato se potesse darmi dei chiarimenti, dei consigli su cosa fare, quale può essere la causa, quale il futuro e se la patologia può avere attinenza con l'ittiosi la malattia dermatologica di cui mio figlio è affetto dalla nascita oppure con il "neotigason" (acitretina - retinoide derivato dalla vitamina A) un farmaco che ha assunto nel passato per brevi cicli per l'ittiosi. Nell'attesa di una sua gradita risposta porgo cordiali saluti. Giuseppe (Siracusa)
Risposta del 06 febbraio 2007
le consiglio Revios copmpresse 1 x 2 x 2 mesi e poi riposo, ripetere a cicli. Suggerisco ciclo di Campi elettromagnetci pulsati per 4 ore al di da fare a domicilio per 1 mese (800710124 medical service di Bo), potrebbe ridurgli il problema ed eventualmente infiltrazioni con Hyalgan. Molto importante è però la clinica cioè capire i sintomi. per maggiori notizie può consultare farmasalute in internet.

Dott. Giuseppe Internullo
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Ortopedia e traumatologia
CALTAGIRONE (CT)



Il profilo di GIUSEPPE INTERNULLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Contapassi: gli smartphone svelano quanto ci muoviamo
Scheletro e articolazioni
17 luglio 2017
Focus
Contapassi: gli smartphone svelano quanto ci muoviamo
Lavorare all’aperto diminuisce il deficit di vitamina D
Scheletro e articolazioni
28 giugno 2017
News
Lavorare all’aperto diminuisce il deficit di vitamina D