L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

20/10/2007 16:55:19

Otorinolaringoiatria

Sono una ragazza di 24 anni, da tempo ho delle secrezioni di cerume in eccesso da un orecchio (e sottolineo.. sono monolaterali). Il mio otorino mi ha visitata e ha riscontrato la presenza di un eczema secco, che poi è diventato umido e quindi ho dovuto utilizzare un antibiotico, ma in sostanza..un problema localizzato unicamente all'orecchio esterno. All'audioimpedenzometria non risultano diminuzioni di udito, anche se la mia sensazione è quella di sentire meno dall'orecchio interessato.. La mia domanda è..visto che le secrezioni monolaterali, la sensazione di perdita dell'udito, le epistassi (tutte cose che ho avuto ultimamente) etc sono segni e sintomi del tumore al rinofaringe... devo preoccuparmi? il mio medico dice che non ho assolutamente niente (anche se dopo l'antibiotico il disturbo mi è rimasto..) però come faccio a sapere se davvero non ho nulla? non che non mi fidi però..con una semplice visita otorinolaringoiatrica si diagnostica questo tipo di tumore? già ho la mucosa nasale polipoide..non vorrei mai avere altre "sorprese"!

Grazie mille, V.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/10/2007

Premesso che per supportare il sospetto della presenza di un tumore del rinofaringe i sintomi che lei riferisce debbono essere supportati dal rilievo di qualche alterazione anatomica, se, come dice, è stata recentemente visitata da un collega otorinolaringoiatra, l'ispezione del rinofaringe consente di evidenziare quasi sempre un tumore del rinofaringe. Resta il "quasi", ma la certezza della negatività non potrebbe essere raggiunta neppure approfondendo con esami radiologici.
Se non è tranquilla, non resta che tornare periodicamente dal collega (magari la prima volta a distanza solo di qualche mese e poi sempre meno frequentemente), menifestandogli sinceramente questa sua paura per ottenere le rassicurazioni che la visita può dare.

Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria
TORINO (TO)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra