L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

31/10/2007 00:55:57

OTOSCLEROSI

Mi è stata diagnosticata otosclerosi. sono una donna di 31 anni, da 10 assumo la pillola anticoncezionale per via dall'alopecia androgenetica e dell'ovaio micropolicistico, ma non ho mai notato cali di udito bruschi in questo lasso di tempo,infatti ci sentivo meno a sinistra anche prima di iniziare l'uso dell'anticoncezionale. la pillola in tutti i casi fa peggiorare sensibilmente l'otosclerosi oppure è una delle eventualità?(il mio otorino non mi ha detto niente in proposito) inoltre avrei un quesito sull'intervento. una volta eseguito la malattia progredisce ugualmente,ma è in grado di bloccare anche la protesi di teflon? inoltre se dopo un periodo di tempo adeguato io volessi frequentare locali dove si suona musica dal vivo potrei? o mi sarebbero vietati i concerti o i posti troppo rumorosi? sono precauzioni da prendere per sempre o solo temporaneamente? e nel caso fossero permanenti si possono aggirare tramite protezioni speciali?
grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/11/2007

Non è assolutamente detto che la pillola faccia progredire la malattia, tuttavia un legame malattia/ormoni femminili c'è, anche se non allo stesso modo in tutte le persone, è quasi impossibile rispondere a questo quesito. Per l'intervento è noto che la progressione della malattia non blocca la protesi, tuttavia può compromettere il nervo acustico, con un peggioramento dell'udito irreversibile e non curabile con interventi. La progressione avviene ugualmente, con o senza protesi, pertanto l'intervento è comunque (di solito) consigliabile. La protesi può spostarsi, ma si può ovviare con un piccolo intervento di revisione, che la riposizioni in sede. Di solito non è l'esposizione a rumori o suoni intensi la causa dello spostamento, tuttavia l'esposizione a rumore, di per sè dannosa, è particolarmente sconsigliabile in chi soffre di una malattia dell'orecchio, in quanto può aggravare ulteriormente la sofferenza del nervo acustico.

Dott. Gabriele Nostro
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra