L'esperto risponde

Domanda di: Mente e cervello

26/05/2007 14:00:18

Paresi facciale da freddo

Gentile dottore , la scrivo per dei chiarimenti sulla paresi facciale nei bambini. Qualche giorno fa ho notato che quando mia figlia di 2 anni piangeva presentava l'occhio destro più chiuso del sinistro. Lì per lì mi è sembrato che avesse una puntura di insetto sulla palpebra ed ho dato poco peso alla cosa. Il giorno dopo però ho notato che il labbro inferiore spostava leggermente a destra soprattutto quando sorrideva o piangeva. Un pò impaurita sono corsa dalla pediatra che ha diagnosticato una lieve paresi da frigor e le ha prescritto tachipirina 2 volte al giorno per 4 giorni. Per ora ho fatto solo un giorno di cura ma mia figlia si è svegliata con la bocca ancora più inclinata al punto che si nota chiaramente anche quando è tranquilla. Essendo piccola, non sa dirmi cosa sente e vedendola così sono un pò spaventata. E' il caso di portarla da un neurologo? Anche perchè la cura della pediatra mi sembra un pò "leggera" e non vorrei che anzicchè migliorare continuasse a peggiorare. Vorrei farle fare un pò di ginnastica facciale o praticarle qualche massaggio per sciogliere i muscoli ma data l'età non si fa neppure toccare la guancia. Potrebbe darmi qualche consiglio? La ringrazio fin d'ora.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del29/05/2007

Gentilissima Sig.ra, capisco la Sua Ansia , anche io ho un bimbo di due anni, ma posso fin da ora tranquillizzarLa, dicendoLe che queste evenienze sono abbastanza frequenti, e per nulla preoccupanti. Essendo la bimba cosi piccola, forse non conviene praticare terapia troppo aggressiva, tenuto conto che nel giro di 7 - 10 giorni la paresi cessa per via naturale, nel qual caso, pero' Lei non gradisse visivamente tale sintomatologia, puo' somministrare alla piccola del cortisone Medrol 2 mg. al di per tre giorni, con relativa copertura gastrica.
Nel qual caso questi episodi, pero' avessero latendenza alla periodicità, è utile sottoporre la piccola ad una risonanza magnetica.

Dott. Massimiliano Maria Fina
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
TRIESTE (TS)



Altre risposte di Mente e cervello


© RIPRODUZIONE RISERVATA