21/04/12  - Peptide c - Diabete tiroide e ghiandole

Peptide c




Domanda del 21 aprile 2012

Domanda


salve mì e' stato rìchìesto questo esame la peptìde c. a cosa serve precìsamente? grazìe
Risposta del 26 aprile 2012

Risposta


Il peptide C misura indirettamente l'insulinemia, cioè la capacità o meno del paziente di produrre insulina. Generalmente è una misurazione utile nei diabetici per valutare la terapia da effettuare. Ci sono altre indicazioni meno comuni, ma è un esame che deve essere valutato da un diabetologo.

Saluti




Dott. Luciano Onida
Specialista attività privata
Specialista in Cardiologia
Specialista in Medicina interna
Milano (MI)

Il profilo di LUCIANO ONIDA
Risposta del 26 aprile 2012

Risposta


Gentile sig.ra,

cercherò di risponderle in maniera sintetica. L'insulina viene sintetizzata nelle cellule beta delle isole di Langerhans come molecola precursore, la proinsulina, che viene scissa in insulina e in un peptide di 31 aminoacidi, denominato Peptide C(Peptide di Collegamento).

L'insulina e il Peptide C vengono secreti in quantità equimolari, vale a dire che per ogni molecola di insulina vi è una molecola di C-Peptide. Pertanto la determinazione del Peptide C nel pl Asma consente una valutazione della produzione di insulina prodotta dal pancreas, anche in presenza di somministrazione di insulina somministrata dall’esterno.

Quando è utile la determinazione del C-Peptide?

1- Per valutazione la funzione residua delle cellule beta nei pazienti diabetici in terapia insulinica;

2 - Per differenziare il Diabete di tipo 1(che richiede trattamento insulinico dall’inizio) dal Diabete di tipo 2;

3 - Per rivalutare e monitorare nel tempo un Diabete di tipo 1.

Vi sono anche altre indicazioni più specialistiche alla valutazione del C-Peptide; basti qui ricordare che la determinazione del C-Peptide può essere effettuata nel sangue e nelle urine. Nel primo caso il C-Peptide può essere determinato con un solo prelievo effettuato a digiuno: Dosaggio C-Peptide pl Asma tico ovvero con più prelievi eseguendo il primo a digiuno ed i successivi dopo iniezione di 1 mg di glucagone (ormone che aumenta la glicemia e ,quindi, stimola la produzione di insulina=C-Peptide). Questa seconda modalità viene definita Test al glucagone per C-Peptide e prevede il dosaggio del C-peptide ai tempi 0' e 5', oppure 0' e 6' o ancora a 0', 5', 10', 15', 20', 45'. All’inizio di malattia ( Diabete 1 o 2) se il C-Peptide non è dosabile o estremamente basso è verosimile trattarsi di Diabete Mellito di tipo 1, al contrario se elevato depone per Diabete Mellito di tipo 2. Dopo molti anni dall’inizio della malattia se il C- Peptide è soltanto ridotto si ha conferma di un Diabete Mellito tipo 2. Dai dati antropometrici inviati rilevo che si trova in sovrappeso;in ogni caso cerchi perdere i chili di troppo facendo attenzione alla dieta e incrementando l’attività fisica(almeno 30’ di passeggiata per 3-4 volte a settimana).

Cordiali saluti

Dr.Dionisio Pascucci




Dott. Dionisio Pascucci
Casa di cura privata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia e malattie ricambio
Specialista in Geriatria
Benevento (BN)

Il profilo di DIONISIO PASCUCCI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Diabete tiroide e ghiandole

Potrebbe interessarti
Diabete di tipo 2: occhio allo zucchero, ma anche al sale
Diabete tiroide e ghiandole
22 settembre 2017
News
Diabete di tipo 2: occhio allo zucchero, ma anche al sale
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti
Diabete tiroide e ghiandole
13 aprile 2017
Interviste
Tumore della tiroide: il punto di vista dei pazienti