L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

14/04/2003

Per dott milardi.

Buona sera dottore...già tempo fa le ho scritto ma non ho avuto il piacere di leggere la risposta per cui provo a scriverle ancora. Sono il fidanzato di una ragazza di 25 anni che soffre di Depressione , oltre a seri problemi allo stomaco e alla cervicale. Questa ragazza si rifiuta categoricamente di rivolgersi a qualsiasi tipo di visita specialistica, non ne parla coi genitori per paura di deluderli dal fatto che lei è "ammalata" e a casa sua finge di star bene. Piange tutto il giorno, si sente una nullità, non le interessa di nulla, vorrebbe lasciare addiruttura il lavoro..vive con un'apatia allucinante...in pratica è un soprammobile. Quasi ogni giorno della settimana vive con una Rabbia interna enorme che la porta a dire cose davvero impronunciabili, cattiverie inaudite. La domanda che faccio è questa...come si può far capire a questa ragazza che deve farsi visitare da persone specializzate? ho provato ad accompagnarla da uno psicologo...solo per parlarne...risultato? Mi ha lasciato per qualche giorno perchè pensa la consideri pazza. e ciclicamente mi rinfaccia questo. Ha un buon lavoro..un discreto stipendio. Sul lavoronon è enormemente pressata...eppure non va bene nulla. Io non so più cosa fare. Come faccio a convincerla? Grazie ancora e scusi per l'insistenza e la lunghezza della lettera.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del22/04/2003

Mi scuso per i ritardi nelle risposte.
Purtroppo, a volte, non è affatto semplice proporre e/o accettare di affrontare un proprio problema con uno psicologo/psicoterapeuta. Ad esempio perch‚ è difficile parlare delle proprie cose ad un estraneo, oppure perch‚ si ritiene che i propri problemi siano causati dagli altri, ecc. E' anche possibile che, in alcune situazioni, non si abbia "coscienza" del proprio stato di difficoltà.
Soluzioni: forse potrebbe essere opportuno aspettare un momento in cui lei manifesti più chiaramente ed esplicitamente che vorrebbe un aiuto e riproporre la cosa oppure cercare occasioni più "generiche" per approcciare il problema (un film da vedere, un libro, una conferenza, ecc.). Auguri.


Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra