L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

27/05/2006 21:07:12

Pressione alta

Buongiorno,
Ho 39 anni e da circa un anno la mia pressione tende ad essere verso i valori alti. Di solito ho 140/90 con picchi fino a 170/110. Ma non ho mai avuto nessun disturbo.
In questi anni risiedo negli Stati Uniti e la prima reazione dei medici locali e' stata quella di darmi la pillola per la pressione.
Ho iniziato con Micardis HCT (80 mg/12.5 mg)
Gli effetti collaterali sono stati a dir poco esagerati. Diarrea, eccessiva stanchezza, dolore ai muscoli, nausea, testa pesante, mal di testa, tachicardia, fiato corto e pressione al torace.
Il medico quindi ha provveduto a cambiare pasticca.
Avalide 150/12.5 mg
Ma gli effetti collaterali, sebbene in tono minore, sono gli stessi.
Mi sono sottoposta anche ad esami del sangue, elettrocardiogramma sotto sforzo, radiografia e ecografia al cuore. I quali sono risultati tutti buoni.
Ho iniziato a prendere meta' pasticca. La pressione ora e' 110/75 ma gli effetti collaterali persistono.
Infine. Ho subito una splenectomia circa 20 anni per una sferocitosi ereditaria. Cerco di camminare quotidianamente e conduco una vita molto tranquilla. Cerco di controllare anche la mia alimentazione.
Le mie domande:
E' proprio necessario assumere la pasticca ?
Posso intervenire magari con qualche rimedio naturale ?
C'e' correlazione tra la splenectomia e l'ipertensione arteriosa?
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione che vorrete dare alle mie domande e con l'occasione porgo distinti saluti.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del30/05/2006

Cara Signora, la pressione arteriosa desiderabile è inferiore a 140-90,per persone che non abbiano altri fattori di rischio cardiovascolari,quindi i picchi daLei riportati sono fuori target.Ora per quanto concerne la terapia,in primis si cerca di adottare uno stile di vita migliore(alimentazione,attivita'fisica,limitazione sodio,abolizione fumo) e se questi non normalizzano la pressione si deve ricorrere a terapia,che nel suo caso deve comportare una dose iniziale minima di farmaco,eventualmente incrementabile gradualmente sino al raggiungimento dei valori desiderati,senza causare effetti collaterali.Sarebbe utile monitoraggio Holter per valutare l'andamento dell a pressione nelle 24 ore.Probabilmente Lei è molto sensibile alla terapia,anche per i valori modicamente elevati, e sono stati usati dosaggi inapproriatamente relativamente elevati...buona giornata.

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia e malattie ricambio
DESIO (MI)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra