L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

02/09/2008 23:55:38

Presunta corioretinite sierosa centrale

Buona sera
Sono affetto da circa 5 anni da problemi legati alla vista,nonostante le numerose visite oculistiche non rivelino grossi problemi(visus riscontrato ultima visita oculistica del 12/2007--12/10).Nel 2003,improvvisamente,mi si presenta una macchia proprio nella zona centrale dell'occhio dx,mi rivolgo immediatamente all'oculista che mi diagnostica una corioretinite sierosa centrale.Inizialmente mi viene prescritta una cura a base di farmaci per rinforzare i capillari ma non ho riscontrato segni di miglioramento.Successivamente e con cadenza periodica il problema mi si ripresenta e la prassi e' sempre la solita:visita oculistica e F.A.G. nella quale non viene evidenziato praticamente nulla.Con il passare degli anni il fenomeno si ripresenta a fasi alterne creandomi oltre ai soliti scompensi al campo visivo anche emicranea e tensione su tutta la zona riguardante l'occhio destro probabilmente causata dallo stress.Onestamente sto vivendo con rassegnazione il fenomeno ma questo non mi sta giovando soprattutto sotto il profilo fisico e psicologico.Mi ritrovo impotente innanzi a questo fatto che si protrae da ben 5 anni.Se qualcuno avesse dei consigli validi da darmi glie ne sarei grato
Ringrazio e porgo distinti saluti
Roberto

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/09/2008

Carissimo Roberto,
la corioretinite sierosa centrale o Sindrome di Masuda è elettivamente diagnosticabile ,sia in fase acuta che per descrivere gli esiti distrofici dell'epitelio pigmentato retinico ad essa ascrivibili,appunto solamente con la FAG.
Inoltre, essendo tipica di persone molto ansiose e/o stressate,bisognerebbe regolare anche questo aspetto costituzionale di tali pazienti,altrimenti vi possono essere episodi subentranti che scelgono come bersaglio la retina per una questione che è caratteriale e quindi connaturata al paziente stesso.
In questi casi si deve pensare a trattare i pazienti anche con piccole dosi di benzodiazepine(tranquillanti minori)e/o con sedute fotocoagulative.
Sono a Sua disposizione per qualsiasi chiarimento!


Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
http://www.beepworld.it/members/drsiravoduilio/
http://siravoduilio.it.gg




Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra