L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

21/07/2006 17:08:42

Problemi adolescenziali

Ho 43 anni, mia figlia 15 anni bella ragazzina fisico abbastanza formoso 5 kl in + rispetto al suo peso forma, da amici e parenti della mia generazione molto amata e stimata. quest'anno ha iniziato il liceo scuola che la impegna tanto, inizialmente gravi problemi di adattamento quasi non voleva piu' frequentare per via degli studi pesanti, e delle compagne di scuola lei dice tutte stupide e cretinette nonostante ciò i sabati pomeriggio usciva con alcune di loro e mi sembrava abbastanza serena pensavo avesse superato i suoi timori iniziali. Mi sono resa conto ultimamente che lei non socializza con i suoi coetani anzi si chiude in se stessa, sta molto bene invece con i miei di coetani cosa che mi lascia molto perplessa e preoccupata. Adesso è in vacanza passa le sue giornate davanti alla tv se qualcuno dei miei amici va al mare allora lei prende il suo motorino e li raggiunge altrimenti resta casa, spesso viene invitata a feste che danno i suoi cugini ma lei puntalmente declina l'invito rispondendo che non le va perche' non conosce nessuno. Io lavoro faccio un orario spezzato che mi tiene quasi tutto il giorno a casa, a volte la lascio davanti la tv e la ritrovo dopo 4 ore sempre lì. Sto aspettando da quasi due mesi che lei superi quessto momento della sua adolescenza, ma comincio a temere che cio' fa parte del suo carattere molto insicuro oltretutto ultimamente ha ripreso a modersi le labbra a volte le sanguinano le sempre traumatizzare e gonfie se la rimprovero o le chiedo il perchè di ciò si infastidisce e assume un aria imbronciata e antipatica. Le chiedo se è giusto che io aspetti che superi da sola questo periodo e questa sua insicurezza o cercare di farla aiutare da qualcuno? E spesso mi chiedo pure se la mia assenza per via del lavoro possa aver influito nel suo carattere a volte tanto amorevole a volte scontroso e solitario.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/07/2006

io aspetterei, l'adolescenza è un periodo di grande variabilità e occorre tanta pazienza.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra