L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

11/01/2007 17:55:17

Problemi alla tiroide

Gent.mo Dottore, ho 38 anni e da circa 10, annualmente, eseguo esami del sangue di routine, comprensivi di quelli ormonali, soprattutto in occasione della mia visita ginecologica annuale. Verso fine novembre ho contratto una lieve forma parainfluenzale, con una leggera febbricola e molti dolori articolari. Superata questa ho cominciato ad accusare strani sintomi, come tachicardia e forte sudorazione, eccitabilità e nel contempo forte astenia, oltre che alcuni episodi di diarrea (che per me sono nella norma visto che soffro anche di colon irritabile, diagnosticato anche con colonscopia ); quindi ho anticipato di alcune settimane gli esami suddetti che sono risultati tutti perfettamente nella norma, tranne quelli relativi alla funzionalità tiroidea con: TSH < 0.01 - FT3 0.45 ng/dl e FT4 11.24 pg/ml. Consultato il medico curante ho eseguito nel giro di 3 giorni una ecografia tiroidea con il seguente risultato: tiroide in sede, di regolare morfologia, dimensioni ed ecostruttura. Non lesioni focali. Regolare il flusso parenchimale all'indagine color-doppler. Non segni di linfonodi patologici laterocervicale. Ho effettuato anche una vistita endocrinologica, con il proseguimento di indagini ematochimiche, quindi con anticorpi anti tireoglobulina (HTG), anti Perossidasi (TPO), anti recettore del TSH e Tireoglobulina, tutti nella norma. L'endocrinologo non ha potuto quindi darmi nessuna cura per un eventuale ipertiroidismo, perchè probabilmente si tratta di un fatto transitorio, ma mi ha solo consigliato di effettuare, senza fretta, una scinti tiroidea per "completare il tassello" di questo intrigato puzzle. Premetto che sono una persona molto ansiosa, che esco da un esaurimento durato circa un anno, trattato con alcuni leggeri farmaci, un anti psicotico e un antidepressivo, ma che ora godeva di ottima salute e che non capisco cosa possa essere successo. Sono anche in cura con farmaci omeopatici che non contengono, comunque, iodio, ma che l'estate scorsa, per perdere alcuni chili accumulati con i suddetti farmaci prescrittimi da una neuro psicologa, ha utilizzato alcuni prodotti, da diluire in acqua contenenti alghe, quindi probabilmente iodio. Il mio medico omeopatico ha ipotizzato che questi problemi alla tiroide siano comunque imputabili all'ansia di cui soffro quasi sempre, anche se molto attenuata con tempo, che ho anche molto calmato con trattamenti shatzu e un corso di yoga, oltre che col lavoro. Le chiedo quindi un Suo parere su questo problema, anche se dovrò comunque ripetere gli esami tra due-tre mesi. Nel frattempo, a distanza di circa un mese, ho ripetuto l'eco tiroidea che ha semplicemente confermato quella precedente. La ringrazio sentitamente. D.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/01/2007

FT3 0.45, basso, con FT4 a 11.24, che a secondo dei laboratori potrebbe considerarsi basso, come alto, TSH chiaramente basso, solo questo dimostra l’ Ipertiroidismo . Non iferisce nemmeno i valori degli anticorpi, che come al solito, potrebbero essere significativi, ai limiti alti della norma.
Come vede, bisogna essere un pochino più precisi enon risparmiare sull’inchiostro.
IL cosiddetto stress o l’ Ansia , non fanno vnire le patologie e vanno sempre esclusi, anzi sono indice di un iniziale disagio del sistema immunitario, quindi non trascurati.
Lei dice di soffrire di Diarrea , giustificata dalla diagnosi di colon irritabile, diagnosi che mi fa sorridere sulla sua invenzione, se lo immagina un colon arrabbiato, poi andrebbe stabilito chi lo fa “irritare”.
Quella Diarrea va attentamente valutata, ed eseguita la predisposizione genica alle patologie autoimmuni, per accertare la predisposizione alla Celiachia , ma non solo. Attualmente lei ha una Tiroidite , che fortunataemnte, non ha ancora provocato danni alla ghiandola, ma con l’andare del tempo, se non si stabilisce esattamente il motivo per cui si è verificata, e si agisce su quello, i danni potrebbero verificarsi.
Esami più specifici vanno eseguiti, soprattutto per stabilire i motivi per cui lei ha presentato quei sintomi, poter intervenire sulle reali cause e non semplicemente sui sintomi.








Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra