L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

21/05/2005 00:54:50

Problemi con zoloft

Egregio Dottore
Mi chiamo Daniela e ho 27 anni
Dopo tanti anni di cure per attacchi di panico e forte ansia (ho preso elopram, efexor, daparox, cipralex, sempre prescritti dal medico), ora ho miglioramenti con lo zoloft
Prima mi è stato prescritto da 50 mg, poi non vedendo miglioramenti mi è stato aumentato a 100mg
Ansia e attacchi sono migliorati
Se nn fosse per uno spiacevole effetto collaterale
Ho forte bruciore alle labbra, non è solo un fastidio , cercherei di resistere ma nn ce la faccio proprio
Ho messo creme idratanti, preso vitamine (berocca), ma nn mi diminuisce nemmeno un po’
Il medico di base ha detto di diluire il dosaggio a 75 mg , ma io ho paura
Non ci sono altri rimedi?
Grazie per la sua disponibilità



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/05/2005

Oltre ai farmaci non è stata indicata anche una psicoterapia? Infatti gli attacchi di panico si riducono fino alla scomparsa con la terapia combinata:farmaci per tenere sotto controllo la sintomatologia, psicoterapia per rimuovere le cause intrapsichiche del problema.
Difficilmente risoverà il suo sintomo solo con i farmaci.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Risposta del24/05/2005

Cara Daniela, quello che tu scrivi è nota come "sindrome della bocca urente". Le cause non sono del tutto note, certo è che sembra una ipereccitabilità dei sensori epiteliali della zona periorale, che spesso trova giovamento nella terapia con alcuni farmaci (tipo la gabapentina). E'anche vero che tale situazione spesso si associa a Ansia e Depressione , come sgradevole sintomo aggiuntivo.
Ti consiglio una visita accurata da uno specialista nella terapia del dolore e /o neurologo, che sappia fornirti indicazioni appropriate per il trattamento.
Concordo con la collega nel dire che un approccio psicoterapico, anche attraverso tecniche brevi come l'EMDR, potrebbe aiutarti molto.
Saluti


Dott.ssa Claudia Ravaldi
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
PRATO (PO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra