L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

19/06/2007 14:57:31

Problemi polmonari

Sono stata ricoverata per 15 giorni alla fine di gennaio per una polminite (voluminasa) al polmone sinistro, dalle dimissioni non ho più smesso ogni 15 giorni/tre settimane di avere mal di gola per un tre giorni, poi si trasforma in raffreddore e infine in tosse sfociando in asma (sono soggetta anche ad asma non allergica). La febbre mi è venuta raramente dopo le dimissioni, ma ho dovuto prendere spesso antibiotici e cortisone con aerosol per tornare a stare bene. Sto bene una decina di giorni e poi ricomincio. Le ghiandole della gola si gonfiano e poi piano piano torna tutto alla normalità. La pneumologa mi ha sottoposto ad una serie di esami, rx torace, holter (durante una crisi di asma mi ha trovato tachicardica), esami del sangue, tampone faringeo e tac. Si è scoperto che ho una bronchiectasia al polmone sinistro con lieve dilatazione ma molto lunga.
Mi ha dato delle cure per combattere i batteri (ho una bimba di tre anni che va alla scuola materna), e dovrò a settembre fare le vaccinazioni., inoltre ogni mese per sei giorni prendere il fluimucil.
Ora sono ancora con ghiandole gonfie nella parte destra, raffreddore, sensazione di febbre ma assente e tosse.
Insomma non sto ancora bene e non so più dove sbattere la testa vorrei solo capire se tutto ciò è normale e devo solo portare pazienza o se è meglio approfondire ulteriormente?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del22/06/2007

Sarebbe il caso di dosare, se non già fatto, di dosare le Immunoglobuline (IgG, IgA ed IgM) per indagare lo stato del sistema immunitario conquesto esame preliminare. Il fatto che la figlioletta frequenti la scuola materna potrebbe essere importante per la possibilità che sia veicolo di infezione, che però sembrerebbe di natura virale. Tuttavia ripeterei il tampone faringeo in fase di acuzie e lontano da terapia antibiotica, e lo farei anche a sua figlia, che potrebbe essere portatrice sana.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra