L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

22/05/2007 18:12:14

Proctologia

Preg.mo Dott.
Vorrei sottoporVi questo mio problema, da circa tre anni soffro di emorroidi, l'anno scorso ho deciso di seguire sotto consiglio del medico di famiglia la legatura, e mi sono recato da un proctologo, il quale durante la visita effettuata ha rilevato oltre alla emorroidi ( le più grandi legate) altre patologie tra quali ragade,dissinergia addomino pelvica e neuropatia del pudendo, come terapia mi ha prescitto Dialatan per autodialtazioni per un mese, ed altri accorgimenti come bere molta acqua ecc. poi un pò per che stavo bene, un po per problemi di lavoro che mi hanno tenuto lontano da casa non mi sono più controllato, adesso a distanza di più di anno mi sono ritornate le emorroidi che sto trattando con avernum 500 e con proctsedyl, e alla visita del medico di famiglia c'era anche una ragade in guarigione, visto che è già una settimana che faccio la cura senza vedere grandi miglioramenti Le chiedo se queste patologie sono da mettere in correlazione con quelle sopra descritte, e se si come mi devo comportare e a cosa vado incontro.
All'esame rettoscopico eseguito prima della legatura non si riscontravano patologie gravi.
Certo di una Vostra risposta si coglie l'occassione per inviare Distinti Saluti. R.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/05/2007

Caro Utente
Dalla descrizione mi sembra di capire che nulla è cambiato .Presente il prolasso emorroidario ,presente la ragade.Una visita Coloproctologica ed una proctoscopia potranno chiarire le caratteristiche della ragade anale ,che se presenta segni di cronicizzazione potrebbe non guarire con farmaci e dilatatori.In merito al problema emorroidario e alla dissinergia del pavimento pelvico e alla defecazione ostruita,una manometria anorettale una defecografia dinamica e una una valutazione del grado di prolasso saranno necessarie per decidere il trattamento più idoneo.Come ho più volte scritto in questo sito ,la razionale risposta al prolasso emorroidario, nel suo caso recidivante,è la prolassectomia ed emorroidopessi sec .la tacnica di Longo.Una dissinergia associata ed una nevralgia del pudendo potranno richiedere una terapia riabilitativa.
Auguri Dr.Giuseppe D'Oriano

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra