L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

21/02/2007 10:58:55

Prolasso rettale

Salve! Vi scrivo da Palermo. A mia sorella è stato fatto urgentemente il cesario perchè ha avuto un prolasso rettale mentre era seduta sul Wc a a casa. Adesso il tempo che si riprende dal parto e dovrà essere rioperarata.
Il prolasso che ha avuto si è ulteriormente ridotto, ma bisogna intervenire chirurgicamente.Io ho un po paura e volevo sapere quali sono i tempi di recupero post operatori e il metodo usato per questo tipo di intervento.Perchè io quando avevo 14 anni (adesso ne ho 32) sono stata operata di emorroidi, ragadi e un polipetto, con l'inseriemto nell'ano di un tampone. Volevo inoltre chiedervi se anche a lei faranno la stessa cosa. Grazie F.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/02/2007

La terapia chirurgica del prolasso rettale dipende dalle dimensioni delo stesso.Per prolassi di 3 cm circa la tecnica chirurgica prevede la possibilità di asportazione per via transanale utilizando una suturatrice circolare.Per prolassi di dimensioni superiori gli interventi vengono eseguiti sempre senza aprire l'addome e consistono nelle resezione manuale del retto prolassato con differente metodica(sec.Delorme),(Altmeier).I tempi di recupero sono rapidi con defecazione non dolorosa.La scelta del tampone ,per alcune ore nel post operatorio ,varia da chirurgo a chirurgo,ma in ogni caso non rappresenta un grosso fastidio per il paziente.
Saluti dr.Giuseppe D'Oriano

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra