L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

10/07/2007 20:01:19

Prostata

Mio padre di 85 anni ha riportato, una settimana fa, in occasione di un ricovero per accertamenti di routine un valore di PSA pari a 49. L'ecografia transrettale è negativa e non evidenzia alcun segno particolare, nè all'interno dell'organo, nè a livello capsulare. La visita urologica ha messo in evidenza una zona più indurita della ghiandola e per questo motivo è stata richiesta la biopsia prostatica. Essendo mio padre in uno stato di buona salute, sia fisica che mentale, sto discutendo con i medici che lo hanno visitato se è il caso di ricorrere alla biopsia che a detta di qualcuno potrebbe determinare qualche inconveniente locale di non poco conto o comunque insospettirlo, con il rischio di modificare la sua qualità di vita che al momento è molto buona. E' proponibile alla sua età non far nulla, controllando la situazione periodicamente con tecniche ed esami non invasivi??
Grazie mille.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/07/2007

Caro lettore ,
è quella da lei citata , non dopo gli 85 anni ma dopo i 75 anni, una delle strategie proposte da diverse e prestigiose società scientifiche urologiche . Chieda ulteriori informazioni al suo urologo .
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra