L'esperto risponde

Domanda di: Salute maschile

04/12/2006 09:05:56

Prostatite: ma quanto dura, si guarisce?

Buongiorno,
sono affetto da prostatite e vorrei sapere mediamente quanto può durare questo disturbo.
I primi sintomi si sono manifestati alla fine del Settembre scorso con la sensazione di dover tornare ad urinare appena sdraiato a letto. Non avevo tale sintomo tutti i giorni e purtroppo non gli ho attribuito il giusto peso e così mi sono ritrovato nella prima settimana di Novembre ad avere forti dolori al perineo, una continuà necessità di andare in bagno con la sensazione di non riuscire a trattenermi, un malessere generale, brividi e dolori ai lombi come se avessi l'influenza.
Il mio medico mi prescrisse l'esame delle urine che risultò negativo e mi diede del bactrim forte. Dopo due giorni di cura col bactrim accusai un inizio di intolleranza al farmaco. il medico decise quindi di farmi interrompere la cura e mi prescrisse una visita urologica.
Nel frattempo i sintomi peggiorarono ulteriormente e dal momento che l'urologo mi fissò la visita dopo una settimana mi prescrisse per telefono del ciproxin e del mictasone.
Sentii subito l'efficacia della cura e quando l'urologo mi visitò i sintomi erano migliorati di molto. Non accusavo più dolori ma soltanto la necessità di andare in bagno sovente.
Lo specilista mi spiegò che si trattava di prostatite, mi disse di fare una dieta e mi prescrisse un'altro ciclo di mictasone e ciproxin da iniziare dieci giorni dopo la fine del primo, permixon per due mesi e uno spermiogramma con antibiogramma dopo dieci giorni dalla fine del secondo ciclo di antibiotici.
Nei dieci giorni seguenti (senza cura) migliorai ulteriormente tornando ad una vita normale (ma senza avere la sensazione di essere guarito completamente).
All'inizio del secondo ciclo di antibiotici notai nei primi due giorni un peggioramento per poi migliorare del tutto pensando di essere guarito definitivamente.
Ora sono passati 4 giorni dalla fine del secondo ciclo e ho di nuovo fastidio quando mi corico a letto, senso di pesantezza al perieno, sensazione di non svuotare completamente la vescica ed un fastidioso sgocciolio finale dopo la minzione.
Non ho mai avuto dolori ad eiaculare ma nella fase acuta ho patito un deficit erettivo. L'erezione è tornata normale successivamente e ho avuto rapporti sessuali protetti senza problemi. Ieri ho notato nuovamente un deficit erettivo.
Sono in attesa di effettuare loo spermiogramma ma vorrei sapere se è possibile che una prostatite dopo due cilci di antibiotici non sia ancora andata via del tutto. Certo non ho più i sintomi della fase acuta ma non vorrei dover convivere sempre con questi fastidi.
Mi scuso per la lunghezza del messaggio e ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti

La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui



Altre risposte di Salute maschile


© RIPRODUZIONE RISERVATA