L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

31/10/2016 13:34:20

Psicofarmaci e problemi cardiaci

Buonasera. Soffro da 10 anni di disturbo da Ansia generalizzata e attacchi di panico. Nell'arco di questi anni ho sospeso e ripreso i farmaci (prima Sereupin e poi Dropaxin, ed il Lexotan) più volte, a causa di varie ricadute. Attualmente prendevo da circa 6 mesi 2 gocce al dì di Dropaxin e il Lexotan solo al bisogno. Ora l'Ansia è tornata e così attualmente sto prendendo 5 gocce di Dropaxin al dì ;, ma dovrò arrivare a 10. Di Lexotan prendo 5 gocce tre volte al dì ;. La domanda è questa: ho letto da più parti che gli psicofarmaci possono portare problemi cardiaci anche pericolosi (sindrome del QT lungo ). Vorrei sapere se vi sono compresi i farmaci che assumo io, e se sì se sono " pericolosi" anche al dosaggio molto basso che assumerò ;. Grazie mille.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/11/2016

I farmaci serotoninergici, come l'antidepressivo che sta assumendo lei, sono associati ad un allungamento del tratto QT nel trcciato ECG. Tale allungamento, è stato in realtà osservato nei pazienti che assumevano questi tipi di farmaci a dosaggi elevati, più spesso quando venivano associati con altri farmaci che possono allungare il QT. E' buona norma sottoporsi a un elettrocardiogramma all'inizio dell'assunzione del farmaco e quando si sia raggiunto il dosaggio terapeutico ottimale, per tenere sotto controllo anche l'aspetto cardiologico.

Dott. Marco Paolemili
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Ricercatore
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2017 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra