L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

20/05/2002

RCU+ESOFAGITE

Ho 42 anni, sesso maschile, soffro di RCU sx (in remissione) da circa 6 anni, a questa patologia si è aggiunta recentemente ( c/a 2 anni una esofagite da reflusso cronica causata da "..cardias incontinente,linea z a circa36 cm, ernia iatale da circa 3 cm, con anello schatzky......" il mio gastroenterologo, per risolvere il problema, mi ha consigliato un intervento chirurgico in laparoscopia per il problema del cardias,altrimenti dovrei assumere (ome..esa..panto..)prazolo per tutta la vita.
Vorrei quindi sapere, in base alla vostra esperienza, tutti i pro e i contro su questo tipo di intervento compreso il fatto che, se l'intervento riesce, si dovrà comunque continuare ad assumere dei farmaci.
Infine, nel caso di scelta per una terapia non chirurgica, per quanto tempo e che cosa può comportare l'assunzione continuativa e contemporanea di inibitori e mesalazina e come essi devono essere assunti per non interferire fra loro.
Grazie per l'attenzione.
T.R.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/05/2002

Ho recentemente risposto ad una domanda come la sua.La troverà nella rubrica.Confermo quanto detto dal suo Gastroenterologo,dicendo ancora una volta che in una percentuale del 10-15%nonostante la chirurgia i sintomi possono ripresentarsi o permanere.Nessun problema per la terapia a lungo termine con i farmaci da lei citati.

Dott. ANTONIO MARRAFFA
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra