L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

08/09/2007 21:37:16

Reazioni di una persona in coma

Un mio carissimo amico, per la precisione un ex ragazzo (specifico perché mi sembra importante), è in coma (non farmacologico) a seguito di un incidente stradale da più di un mese. Ha 25 anni. Respira autonomamente già da qualche giorno, anche se continua ad avere il tubicino della tracheotomia (non so il perché). Da pochi giorni ha cominciato a dare "segnali" fisici, a muoversi, per intenderci. Vorrei sapere, in base all'esperienza che è capitata a me in prima persona, se questi segnali sono indice di una parziale consapevolezza di ciò che accade intorno a lui, o sono semplici coincidenze. Premetto che era solo la seconda volta che sono riuscita a vederlo, la prima solo una settimana dopo l'incidente, quand'era ancora in coma farmacologico.
Quando sono entrata, i battiti erano stabili intorno ai 112 - 113 al minuto, e lui "dormiva", come già mi avevano preannunciato le persone (la madre, la sorella, il migliore amico) entrate prima di me. Ho cominciato a parlargli, e a un certo punto i battiti hanno cominciato a salire all'impazzata (sono arrivati a 140), lui ha cominciato a muovere la testa, le palpebre, e in particolare le mani: le muoveva non a scatti, ma verso una direzione ben precisa; era come un bambino che cerchi di afferrare qualcosa. Io ho avuto la sensazione che cercasse un contatto, e allora gli ho preso la mano. Si è calmato dopo pochissimo. E' possibile che si sia reso conto della mia presenza e cercasse di "comunicare", o era solo una reazione fisica, una specie di scossa nervosa?
Grazie in anticipo

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/09/2007

Cara ragazza,

La descrizione del caso è commovente e potrebbe rappresentare una forma di comunicazione "non verbale". Tuttavia è difficile esprimere un parere attendibile senza valutazione diretta del ragazzo e senza conoscere il grado di profondità del coma.

Tanti saluti.

Dott. Massimo Muciaccia
Specialista attività privata
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra