L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

21/11/2006 22:17:44

Restringimento post emorroidectomia

Buongiorno , io sono stato operato con intervento di emorroidetomia secondo milligan morgan, passati ormai 45 gg, non ho piu'nessuna perdita sanguigna , pero' noto restringimento del canale anale (il proctologo dice che e' normale dopo questo intervento, pero all' esame del dito non presento problemi ). Fino a quanto tempo si e' a rischio di stenosi anale dopo questo intervento?
grazie
m.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/11/2006

il rischio di stenosi si può verificare anche a distanza di mesi essendo una evoluzione progressiva, anche se non obbligatoria
continui a farsi controllare da un buon proctologo

Dott. Marco Ruggero Boati
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia apparato digerente
Specialista in Chirurgia d’urgenza
MILANO (MI)


Risposta del25/11/2006

La stenosi anale possiamo considerarla non una complicanza dell'intervento di Milligan-Morgan ma una costante.La stenosi è strettamente legata alla tecnica che prevede: emorroidectomia con asportazione dei cuscinetti adiposi e ferite sull'anoderma .queste ferite lasciate guarire per seconda intenzione determinano sempre stenosi,ma non sempre questa si manifesta sintomatologicamente.Tale intervento considerato valido e da noi tutti eseguito con le sue varianti dal lontano 1937, cioè dal momento in cui fu standardizzato dai Colleghi Milligan e Morgan,oggi alla luce delle nuove acquisizioni in merito alla patogenesi della malattia emorroidaria ,è da considerare superato.La malattia emorroidaria non è una malattia dei vasi emorroidarii,ma diretta conseguenza del cedimento della mucosa di rivestimento del canale anorettale,cedimento che si manifesta con lo scivolamento verso il basso di questi vasi che diventano tortuosi e prolassano verso l'esterno.La terapia chirurgica della malatia emorroidaria mira alla correzione di tale cedimento ,asportando l'anello mucoso ed eseguendo un riposizionamento nella sede naturale del tessuto emorroidario.Tale intervento, tra i tanti vantaggi evita le lesioni dell'anoderma causa della stenosi anale.Sono a sua disposizione per ulteriori chiarimenti.
Saluti Dr. Giuseppe D'Oriano

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra