L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

03/11/2007 18:42:00

Richiesta aiuto

Buongiorno, Le scrivo per chiedere un aiuto in merito ad una situazione grave alla quale non riusciamo a trovare una soluzione. Mio cognato è schizofrenico, soffre di deliri e allucinazioni e non ha nessuna intenzione di rivolgersi ad uno psichiatra. Ha affrontato già tre anni fa una situazione analoga e a furia di parlare con lui siamo riusciti a convincerlo. Gli hanno somministrato una terapia che gli dava impotenza e ad oggi si rifiuta categoricamente di iniziare nuovamente la terapia e quindi di rivolgersi ad un medico. Premetto che ha già uno zio ricoverato a Villa Cristina per una forma grave di schizofrenia aggressiva e il gemello dello zio è attualmente in uno stato di salute mentale precaria. La situazione sta degenerando e causa enormi problemi alla famiglia senza contare che è una persona fondamentalmente aggressiva. Ha 40 anni e vive ancora in famiglia che si sta letteralmente logorando a causa del suo male. Non c'è nessun modo per effettuare un ricovero obbligato? Siamo aperti a qualunque soluzione!!! Abbiamo già cercato ovunque ma le famiglie e i malati sono completamente soli in questi casi in quanto informandomi mi sono resa conto che l'unica è il TSO che solitamente è a seguito di un comportamento pericoloso nei confronti del paziente o degli altri. Ma bisogn arrivare a tanto prima di poter agire? La prego ci aiuti!!!

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/11/2007

Il TSO va effettuato solo nei casi in cui si presentino comportamenti pericolosi per sè o per gli altri. In tutti gli altri casi bisogna cercare di stringere una "alleanza terapeutica" col paziente ed arrivare a renderlo consapevole che ha bisogno di cure. Le famiglie sono effettivamente lasciate sole a gestire situazioni difficili, in assenza di una normativa adeguata. Quindi la strada da seguire è quella di un contatto stretto con lo specialista.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra