L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

28/03/2006 20:53:42

RICHIESTA consulto..

Salve dottore,
è dal dicembre 2004 che accuso questi sintomi: bruciore alla lingua,febbricola persistente 37,5 iterna che si alza, si abbassa e si rialza durante l'arco della giornata,dolori alle articolazioni, alle ossa, stanchezza e affaticamento anche solo ad alzarmi dal letto, perdita della sensibilità alle mani e ai piedi e alle labbra della bocca, sensazione di bruciore dalla testa ai piedi, formicollii e senzazione di freschezza nelle braccia e nelle gambe, cefalee.In questi anni ho fatto molti esami ematochimici come VES,REUMATEST, PROTEINA C REATTIVA,WAALEER ROSE,ECC...Tutti questi esami ono risultati negativi,poi ho fatto epstein barr(ANTICORPI IgG risultati positiv) che rilevano che ho fatto la mononucleosi e lo superata in quanto gli altri anticorpi sono negativi..Poi ho fatto transaminasi ossalacetica,transaminasi purivica ecc.....
HO FATTO ESAMI DI OGNI GENERE DALL'ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE ED INFERIORE,AI POTENZIALI EVOCATI SOMATOSENSORIALI,RMN ALL'ENCEFALO,ELETTROMIOGRAFIA ECC....
Le chiedo gentilmente se possa darmi una mano consigliandomi da chi andare, io sto davvero male sono costretta a letto e questa situazione va avanti da quando avevo 16 anni(ora ne ho quasi 19).
Dimenticavo nel 2001 ho avuto una neurite ottica curata con xanax e sereupin.Io non se questo mio malessere possa centrare con la neurite ottica o con la mononucleosi l'unica cosa che so è quanto sto male...
Cordiali saluti e grazie per la sua cortese attenzione

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del31/03/2006

Non vi sono elementi diagnostici strumentali e sierologici che indichino processi flogistici nè polineuriti in atto. Inoltre la sintomatologia non è evoluta dal 2004 ad oggi. Peraltro essa non è tipica della "sindrome da stanchezza cronica" che si pensa possa essere collegata ad un'infezione da EBV. Tuttavia sarebbe necessario un completamento diagnostico con i test per l'autoimmunità. Sarebbe opportuno, successivamente, visto l'inutile protrarsi della sua sofferenza nella vana ricerca di una diagnosi, fare finalmente un tentativo terapeutico con farmaci antidepressivi perchè la Depressione può presentarsi in svariate forme. Del resto nella sua storia è presente una stranezza:
"Dimenticavo nel 2001 ho avuto una neurite ottica curata con xanax e sereupin"
Siccome questi farmaci non curano la neurite ottica, ma la Depressione , quanto riferito può indicare che la neurite ottica potrebbe averle causato Depressione e che lei potrebbe essere predisposta per tale patologia psichica.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Risposta del31/03/2006

La sintomatologia da lei lamentata indica chiaramente una sindrome da stanchezza cronica, la neurite potrebbe essere stata causata sia dal virus di Epstein.Barr, che dal Citomegalovirus, o altri virus con prevalenza neurotropa. Lei sta male perchè si trova nella situazione di "mi sta venendo l' Influenza , ma ancora non si è manifestata, mi sta venendo la febbre, ma non è ancora venuta", in questa situazione rimanga per tre anni, poi constaterà che effettivamente è depressa, ma la Depressione non viene dalla psiche, ma dal fisico, curando il fisico, si guarisce anche la Depressione . Tutti i sintomi che avverte, sono espressione del disagio del sistema immunitario che cerca di difendersi dal virus, ma non ci riesce. Il virus di Epstein-Barr è particolarmente fetente, rimane nell'organismo indisturbato, perchè produce proteine che lo nascondono al sistema immunitario. Capisce bene che l'obiettivo è quello di stimolare il sistema a eliminare il virus, somministrando il genoma del virus opportunamente diluito. In studio ho gli esami strumentali idonei per valutarne la presenza, e stabilire la terapia adeguata, ma così a distanza, le devo consigliare di eseguire i seguenti esami, anche perchè vista la giovane età cominciare ad assumere psicofarmaci, senza aver eseguito una diagnosi esatta, non misembra assolutamente il caso, anche perchè hanno effetti collaterali che in una giovane, potrebbero essere veramente importanti.
Tipizzazione HLA classe I e II. Con espressione genica e corrispondenze sierologiche.
Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:
CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
cANCA
pANCA
ENA (Ab ati nucleo specifici)
AMA (Ab anti mitocondrio
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
Anticorpi antinucleo (ANA e frazioni (ENA, Sm, RNP)
Calcitonina
Prolattina (possibilmente al 21°giorno mestruale)
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM

· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)

· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
· ANTCORPI ANTI-GANGLIOSIDI GM1 IgG e lgM
GD1b IgG e IgM
GQ1b IgG e IgM
sulfatidi
anti-MAG (glicoproteina associata alla mielina)
Saluti






Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra