L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

01/08/2007 16:15:41

Richiesta Delucidazione ----------------

Dottori egregi, anni 29, città Palermo.

Il mio problema:

mi sono stati prescritti psicofarmaci perché ritenuto depresso da un dottore molto stimato in città; il punto è che io non sono sicuro di avere bisogno di psicofarmaci, o per meglio dire non penso di averne bisogno.

Spiego il perché:
prima della prescrizione della cura non piangevo senza motivo come fanno i depressi - riuscivo anche se con molta fatica a “vivere” - dormivo senza problemi

di contro: ragazzo abbastanza nervoso - di carattere malinconico ( da sempre ) -
mi chiudo in me stesso in presenza di problemi.

I fatti sono che il dottore ( e lui sa tutto ) mi ha visitato in un momento “PARTICOLARE” e durante la visita, sfogandomi, ho pianto; era già successo che io avessi pianto per gli stessi motivi e poi la sofferenza era “rientrata” senza l’ ausilio di psicofarmaci.

Per questi motivi ho timore che: tratto in inganno dal mio momentaneo stato di malessere il dottore (dicono molto preparato ) abbia potuto sbagliare diagnosi e in tal caso io ora mi ritrovi ad assumere psicofarmaci.

Se sospendo la cura che succede ?

Se io ho per caso ragione e continuerò però ad assumere il psicofarmaco senza un’ effettiva necessità: a quali rischi vado incontro? Rischio di destabilizzarmi psicologicamente ?


Sono molto, molto confuso e titubante, per questo, vi chiedo gentilmente se dopo quanto ho esposto, Voi, egregi dottori, potete in qualche modo dare un giudizio sulla mia situazione e darmi cortesemente un consiglio ? ( spiegandomi dove ho torto e dove ho ragione ed i perché )

Con osservanza porgo distinti saluti e ringrazio anticipatamente per eventuale risposta

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/08/2007

La Depressione non necessariamente si manifesta col pianto. Vi sono casi in cui il depresso non piange mai ma vi sono altri indicatori che fanno diagnosticare la Depressione . Evidentemente il dottore ha visto quei fattori tipici della Depressione che solo un occhio clinico allenato e capace sa individuare. Le consiglio di non interrompere la cura e , se mai, di parlare col dottore di queste sue perplessità.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra