L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

05/11/2006 23:16:24

Rigonfiamento di una tonsilla

Buonasera, oggi è il 4 novembre e il mio problema riguarda un rigonfiamento della tonsilla sinistra dalla quale escono delle strane placche bianco-giallastre, il problema è che è da metà agosto che le ho e non se ne sono ancora andate nonostante i risciaqui con colluttori speciali e l'assunzione di antiinfiammatori, mi hanno fatto anche un tampone per vedere se si trattava di batteri o cose simili, il risultato è stato negativo. Poichè questa seccatura non mi causa febbre o cose del genere, ma solo un leggero mal di gola nelle giornate fredde, io non ci ho dato più di tanto peso, ma stasera ho provato a pigiare in quell'area rigonfiata della tonsilla ed ho visto uscire una di quelle placche come se fosse stata incastrata, questo mi ha spaventato, non vorrei che potesse trattarsi di un patereccio o cose simili, che mi consiglia?

la ringrazio molto dell'attenzione.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/11/2006

Gentile Signora,
dalla descrizione che Lei trasmette SEMBRA trattarsi di una tonsillite cronica caseosa. Il materiale bianco a cui Lei fa riferimento, che si forma nelle cripte tonsillari dove si accumula e che ha un odore caratteristicamente sgradevole, è costituito principalmente di epiteli sfaldati necrotici, granulociti, batteri della flora commensale. Se il tampone faringeo non ha individuato la presenza di streptococco beta emolitico di gruppo A e se gli esami di laboratorio non sono alterati per quanto attiene agli indicatori di infiammazione, io Le consiglierei di pensare di meno al problema, di curare l'igiene orale usando anche uno spazzolino per lingua, eventualmente di fare solo gargarismi di acqua e bicarbonato, evitando di utilizzare prodotti antibatterici o antiinfiammatori peraltro di dubbia efficacia ma di alto costo.
Utile potrebbe invece risultare l'utilizzo di lisati batterici da assumere per via orale o sublinguale a cicli per tutta la stagione invernale.
Ne parli pure col Suo Curante.
Spero di esserLe stato Utile.
Cordialmente.

Dott. Vincenzo Caldarola


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra