L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

03/03/2006 15:50:35

Risposta rm c.m.d.c

Volevo un parere sulla risposta della rm. Quasi un mese fa ho fatto 6 flebo di cortisone e non sono sicura che abbia fatto effetto visto che ci sono placche attive. A metà marzo andrò a Milano per sentire una dottoressa del DIMER secondo lei posso aspettare quella data? Grazie

R.M. CRANIO
R.M. RACHIDE CERVICALE
R.M. RACHIDE DORSALE
R.M. RACHIDE LOMBO-SACRALE M.D.C. GADOLINIO
Gli accertamenti sono stati eseguiti con idonee scansioni e sequenze prima e dopo infusione di MDC paramagnetico in vena.
Esame di controllo in Paziente con sindrome demielinizzante.
L'accertamento odierno viene confrontato con precedente del 21/0112006, eseguito in altra sede.
Numerose aree di alterato segnale , compatibili con placche di demielinizzazione, si localizzano a livello sovratentoriale nella sostanza bianca periventricolare, nelle corone radiate e nei centri semiovali.
Le placche più voluminose sono localizzate in sede peritrigonale sinistra. Analoghe piccole alterazioni a livello del ponte e nel peduncolo cerebrale di destra. Ripetendo l'accertamento dopo somministrazione endovenosa di MDC placche attive si osservano nello splenio del corpo calloso in parasagittale sinistra, nella sostanza bianca peritrigonale di sinistra e nei centri semiovali di entrambi i lati.
Regolare lo spessore del corpo calloso.
Discreto ampliamento delle cavità ventricolari sovratentoriali e degli spazi cisternali della base della convessità biemisferica.
Lo studio del midollo spinale mostra lesioni demielinizzanti diffuse in tutto il tratto cervicale con presenza di due lesioni attive localizzate proiettivamente al di dietro di C2 e di C5. Non si osservano ulteriori placche di demielinizzazione nel restante midollo esplorato.
A livello cervicale piccola ernia discale posteriore in C5-C6 che impronta il sacco durale. Modeste alterazioni degenerative disco-somatiche in tutto il tratto lombare cui si associano piccole ernie intraspongiose che deformano i profili delle limitanti vertebrali. Lievi protrusioni posteriori ad ampio raggio dei dischi L3-L4 ed L4-L5.
Non atrofia midollare.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/03/2006

Non sembre il bolo corticosteroideo in grado di controllare tutte le placche attive, in più, essendo passato un mese, è possibile che alcune di queste placche si siano "accese" successivamente, comunque può aspettare il tempo della visita in quanto, comunque, non è consigliato fare due boli troppo ravvicinati.

Dott. Edoardo Gentile
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurologia
TORINO (TO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra