L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

13/04/2008 15:07:25

RM COLONNA LOMBO-SACRALE

Egregio dott. ,mia madre ha eseguito questo esame perchè da 5 settimane non riesce a stare piu' in piedi.le scrivo il responso dell'esame:
il controllo odierno è stato effettuato con sequenze SE,TSE ed FFE,con scansioni assiali e sagittali.
Il tratto lombare del rachide presenta un tendenziale inversione della curvatura fisiologica,sostenuta da fattori di tipo antalgico.
Ad L5-S1 è presente un prolasso erniario a prevalente proiezione paramediana dx;esso oblitera focalmente la corrispondente guaina radicolare e gli adiacenti piani epidurali,peraltro non determina apprezzabili effetti di compressione sul sacco tecale.
il disco relativo è disitratato;processi di riduzione del contenuto idrico e di piu' limitato "bulging"interessano anche il disco soprastante.
Le limitanti articolari affrontate mostrano iniziali modificazioni di segnale di tipo osteocondrosico.
Sono ancora da segnalare gli esiti del progresso intervento(con persistenza di una modesta quota di materiale fibro-cicatriziale residuo)e generiche manifestazioni degenerative aspecifiche.
Risultano infine normalil'ampiezza del canale spinale e le delineazione del cono midollare.
SICURO DELLA VS RISPOSTA E DI UN CONSIGLIO....PORGO DISTINTI SALUTI

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/04/2008

Gentile paziente, i sintomi da lei elencati (non riesce a stare in piedi) non permettono di formulare una diagnosi. Dalla risonanza magnetica nucleare si evince un precedente intervento chirugico per ernia discale, che però ha lasciato una fibrosi che potrebbe essere responsabilie di una sintomatologia dolorosa. Al tempo stesso la presenza di una nuova ernia discale aggrava il problema tanto che le consiglio di eseguire un esame elettromiografico degli artri inferiori e poi una attenta visita ortopedica o neurochirurgica che potrebbe farla orientare per un nuovo intervento chirugico. Saluti. Dott. Stefano Bordiga

Prof. Stefano Bordiga
Casa di cura convenzionata
AREZZO (AR)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra