L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

22/10/2007 15:25:44

RM lombo-sacrale

Buongiorno, sono un uomo di 36 anni, in seguito ad un piccolo incidente stradale con la moto avvertendo un indolenzimento alla schiena con interessamento del nervo sciatico con dolori lungo la gamba nella parte posteriore sx fino al polpaccio, sono andato a fare una visita da un ortopedico che mi ha consigliato dopo una cura a base di antidolorifico (che non ha sortito effetti) di effettuare una risonanza magnetica che ha dato il seguente responso :

Conservate le fisiologiche curvature.
Globalmente conservata l'ampiezza del canale vertebrale osseo
Regolare il segnale dei corpi vertebrali e dei dischi intersomatici.
Non apprezzabili alterazioni del segnale delle strutture midollari, con cono midollare in sede.
Microreola suggestive per formazioni angiomatose in L1,L2 ed L5.
Non apprezzabili significative protusioni discali a carico degli spazi intersomatici.
A Livello dello spazio intersomatico L5-S1 si apprezza piccola focalità erniaria discale posteriore mediana che impronta il sacco durale.

Detto ciò.. a più di 2 mesi dall'incidente il dolore persiste e da quanto sono riuscito a capire dal referto ho un'ernia discale (o sbaglio?), cosa mi consiglia di fare? sia a livello di ulteriori accertamenti, che di eventuali cure o terapie, sperando di non dover ricorrere ad un intervento chirurgico..

PS. Sono un pò preoccupato per la dicitura "formazioni angiomatose in L1,L2 e L5" potreste gentilmente tranquillizarmi su questa "patologia" sperando sia il caso di farlo..
Vi ringrazio anticipatamente per la risposta
Andrea (Roma)

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/10/2007

Egr. signor Andrea,
innanzi tutto le formazioni angiomatose, verosimilmente di modestissime dimensioni non hanno alcun significato clinico e non destano preoccupazione.
Per quanto riguarda invece l'ernia a L5-S1, penso che non vi siano alternative all'intervento chirurgico.

Cordialmente

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra