L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Sessualità

16/01/2006 15:47:39

Rottura del frenulo

Buongorno, innanzitutto mi scuso per chiederle delucidazioni su un argomento di cui avrà già sicuramente parlato, ma siccome ho ancora dei dubbi ho deciso di scriverle.

5 giorni fa, facendo l'amore con la mia ragazza, ho subito la totale rottura del frenulo, probabilmente iniziata durante un rapporto precedente, con la conseguente perdita di molto sangue. Oggi, a distanza quindi di 5 giorni, abbiamo riprovato ad avere un rapporto sessuale completo, e nonostante un fastidioso dolore durante la penetrazione, siamo riusciti ad "iniziare", e una volta che il pene è riuscito ad entrare tutto non ho più avuto dolori durante le penetrazioni; tuttavia ho perso comunque sangue, non tanto come la volta precedente ma l'ho comunque perso. Non so cosa fare, se debba sottopormi ad un intervento per "riattaccare" il frenulo che come ricordo è completamente rotto, o se devo aspettare solo che coaguli per bene il sangue nelle ferite... in tal caso quanto devo aspettare? 2 settimane? 1 mese? non voglio rischiare di aprire di nuovo delle ferite che si stanno rimarginando come è successo oggi... un'altra cosa: è normale provare dolore durante la penetrazione? come le ho scritto ho provato non poco dolore per fare entrare del tutto il pene, un dolore simile a quello della primo rapporto sessuale. devo abituarmici perchè sarà una costante con il frenulo rotto o poi passa? Ringrazio anticipatamente

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/01/2006

Il fatto che si sia ripetuta una "fuoriuscita" di sangue e che abbia ancora dolore alla penetrazione potrebbe far pensare ad una rottura parziale del frenulo. Le consiglio di consultare ,senza altri indugi, un andrologo od un urologo che, valutata attentamente la sua situazione clinica , saprà indicarle la strategia terapeutica più corretta. Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Sessualità







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra