L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

19/11/2007 11:18:29

SCLEROSI MULTIPLA

GENTILE DOTTORE,
VORREI SAPERE SE L'ESAME DELLA VES PUO' EVIDENZIARE UN EVENTUALE PRESENZA DI MALATTIE AUTOIMMUNI.
GRAZIE.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del22/11/2007

La VES è un esame ematochimico che valuta la velocità di sedimentazione dei componenti corpuscolari del sangue (globuli rossi in particolare), ossia il tempo che essi impiegano per separarsi dal pl Asma (la parte liquida del sangue). Nel prelievo il sangue viene mescolato con un anticoagulante, quindi viene collocato in una provetta lunga e stretta; dopo circa un'ora si verifica la velocità di sedimentazione o si fa la media dei valori dopo la prima e la seconda ora:
Indice di Katz= [VES(1 ora) +VES (2 ore)/2]/2
Il valore normale della VES dopo 1 ora non superano i 2 mm nel neonato, nel maschio adulto arrivano a 10 mm, nella femmina adulta a 15 mm, mentre nell'anziano possono superare i 20 mm. L’Indice di Katz è considerato normale fra 10 e 20.
Da un punto di vista fisico i globuli rossi vengono spinti a sedimentare dalla forza di gravità, proporzionale alla massa e al volume cellulare; la massa aumenta quando le cellule si aggregano. L'aggregazione è di norma ostacolata dalla carica negativa della superficie, che fa sì che gli eritrociti si respingano tra loro: è possibile però che tale negatività si neutralizzi quando sono presenti nel pl Asma proteine a carica positiva che favoriscono perciò l'impilamento delle emazie. Si spiega in tal modo l'aumento della VES nelle situazioni fisiologiche o patologiche che implicano un aumento di fibrinogeno, betaglobuline, alfaglobuline e gammaglobuline. E' chiaro che una tale aspecificità dell'esame rende necessario il suo utilizzo nel contesto di dati clinici e anamnestici che mantengano un ruolo primario.
Bisogna altresì ricordare che una quota di soggetti, fino al 3 per cento sul totale di quelli che si sottopongono all'esame, hanno una VES costantemente alta che resta priva di spiegazioni.
E ancora: nel considerare l'importanza clinica di un dato ematochimico bisogna tenere conto della cosiddetta variabilità totale, frutto dell'interazione tra variabilità analitica e biologica. In altre parole: da una parte l'individuo presenta risposte che possono fluttuare a seconda del momento, del giorno o del mese in cui l'esame è stato fatto, scostandosi dalla normalità, dall'altra vi può essere incertezza del risultato per eventuali errori tecnici del laboratorio.
Nel caso della VES i fattori in grado di aumentare in modo rilevante i valori possono essere: una provetta non perfettamente verticale (un'inclinazione di 10 gradi può comportare il raddoppio dei valori), un eccesso di citrato e un ambiente caldo.


Dott. ALFONSO ILARDI
Medico Ospedaliero


Risposta del22/11/2007

La VES è un esame ematochimico che valuta la velocità di sedimentazione dei componenti corpuscolari del sangue (globuli rossi in particolare), ossia il tempo che essi impiegano per separarsi dal pl Asma (la parte liquida del sangue). Nel prelievo il sangue viene mescolato con un anticoagulante, quindi viene collocato in una provetta lunga e stretta; dopo circa un'ora si verifica la velocità di sedimentazione o si fa la media dei valori dopo la prima e la seconda ora:
Indice di Katz= [VES(1 ora) +VES (2 ore)/2]/2
I valori normali della VES dopo 1 ora non superano i 2 mm nel neonato, nel maschio adulto arrivano a 10 mm, nella femmina adulta a 15 mm, mentre nell'anziano possono superare i 20 mm. L’Indice di Katz è considerato normale fra 10 e 20.
Da un punto di vista fisico i globuli rossi vengono spinti a sedimentare dalla forza di gravità, proporzionale alla massa e al volume cellulare; la massa aumenta quando le cellule si aggregano. L'aggregazione è di norma ostacolata dalla carica negativa della superficie, che fa sì che gli eritrociti si respingano tra loro: è possibile però che tale negatività si neutralizzi quando sono presenti nel pl Asma proteine a carica positiva che favoriscono perciò l'impilamento delle emazie. Si spiega in tal modo l'aumento della VES in quelle situazioni che implicano un aumento di fibrinogeno, betaglobuline, alfaglobuline e gammaglobuline. E' chiaro che una tale aspecificità dell'esame rende necessario il suo utilizzo nel contesto di dati clinici e anamnestici che mantengano un ruolo primario.
Bisogna altresì ricordare che una quota di soggetti, fino al 3 per cento sul totale di quelli che si sottopongono all'esame, hanno una VES costantemente alta che resta priva di spiegazioni.
E ancora: nel considerare l'importanza clinica di un dato ematochimico bisogna tenere conto della cosiddetta variabilità totale, frutto dell'interazione tra variabilità analitica e biologica. In altre parole: da una parte l'individuo presenta risposte che possono fluttuare a seconda del momento, del giorno o del mese in cui l'esame è stato fatto, scostandosi dalla normalità, dall'altra vi può essere incertezza del risultato per eventuali errori tecnici del laboratorio.
Nel caso della VES i fattori in grado di aumentare in modo rilevante i valori possono essere: una provetta non perfettamente verticale (un'inclinazione di 10 gradi può comportare il raddoppio dei valori), un eccesso di citrato e un ambiente caldo.


Dott. ALFONSO ILARDI
Medico Ospedaliero


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra