11/03/11  - Secondo episodio di lussazione scapolo-omerale anteriore - Scheletro e Articolazioni

Secondo episodio di lussazione scapolo-omerale anteriore




Domanda del 11 marzo 2011

Domanda


Sono un ragazzo di 27 anni. Due anni fa ho avuto il primo episodio di lussazione scapolo omerale in seguito ad una caduta. Qualche giorno fa il secondo questa volta atraumatico. Devo portare il tutore per 3 settimane. Ho letto su internet che molti consigliano di iniziare la riabilitazione dopo sole 2 settimane. Lei nel mio caso pensa sia giusto? Grazie
Risposta del 16 marzo 2011

Risposta


normalmente in caso di recideva di lussazione completa scapolo-omerale, si può considerare anche il caso di sottoporsi ad intervento di stabilizzazione chirurgica per via artroscopica. Questo ovviamente dipende se il soggetto fa una attività sportiva in cui l'arto superiore è importante ai fini della prestazione, oppure se il soggetto è giovane e vuole ripristinare la articolarità che viene inevitabilmente compromessa in caso di recivida. Se queste due osservazioni rientrano nel suo caso, la invito, dopo ad aver effettuato la riabilitazione ed il relativo rinforzo muscolare, a consultare uno specialista per considerare la eventualità dell'intervento. cordiali saluti

a href="http://www.dica33.it/Roberto_Vannicelli?esp=2669" Roberto Vannicelli /a
Medico Ospedaliero
Specialista in Medicina dello sport
Roma (RM)


Il profilo di ROBERTO VANNICELLI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Scheletro e Articolazioni

Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
News
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità