L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Pelle

24/07/2002

Sensazione di bruciore

Salve, ho 37 anni e da quasi 2 anni avverto una sensazione di bruciore sulla pelle, che in modo particolare riguarda gli occhi, il viso, le tempie, le labbra (quello inferiore di tanto in tanto si gonfia leggermente), le spalle e le braccia. Il bruciore è migrante, continuo, la sua intensità varia nel corso dei giorni, non è accompagnato da prurito, nè sono visibili sulla pelle rossore o altra manifestazione cutanea. Sono stato da vari specialisti (dermatologo, neurologo, cardiologo, allergologo), mi sono sottoposto ad accertamenti vari (analisi complete del sangue, delle urine e delle feci, prove allergologiche, risonanza magnetica, elettromiografa, radiografia ai denti), ma tutto è risultato in regola. L'unica anomalia che è emersa è l'alterato rapporto linfociti T Helper - linfociti T suppressor (i valori di questi ultimi sono risultati al di sopra della norma). Da circa 3 mesi assumo compresse di Sandimmun Neoral ed antistaminici, secondo le prescrizioni dell'immunologo presso cui sono in cura. I valori dei linfociti T suppressor si sono nel frattempo abbassati, anche se permangono al di sopra della norma. Il bruciore sulla pelle, tuttavia permane ed è fastidioso, anche se riscontro che in alcuni momenti tende ad essere più lieve e sopportabile. Lo specialista afferma che l'alterazione dei valori al mio sistema immunitario sia in relazione con un evento, accadutomi circa 3 anni fa, che mi ha scosso in maniera molto forte (un lungo fidanzamento rotto alla vigilia del matrimonio) e che ha avuto ripercussioni sul mio sistema immunitario, essendo io un soggetto sensibile ed introverso, e tutto ciò nonostante poi mi fossi sposato e vivessi una vita serena; quanto agli effetti della cura egli mi ripete che occorre avere pazienza e che la terapia potrà dare benefici visibili al termine del ciclo di cura. Io tuttavia sospetto che tra bruciore della pelle e alterazione del rapporto Linfociti T Helper e T Suppressor non vi sia alcun nesso, e Vi chiedo se non sia anche il caso di fare indagini di altro tipo più approfondite e mirate, e se esistono dei Centri Specializzati presso cui rivolgermi.
A livello generale gli unici problemi che avverto è la tendenza alla facile stancabilità e un dolore forte alle gambe, soprattutto dopo una lunga camminata o dopo aver fatto attività sportiva. Vi chiedo perciò cortesemente di fornirmi delle indicazioni utili a risolvere questo fastidioso problema che, data la sua insistenza, mi rende spesso nervoso e sfiduciato. Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del10/09/2002

L'unica cosa che le posso consigliare è di eseguire uno skin test presso un dermatologo plastico (nuova figura emergente che studia anche i processi fisiologici della cute) per valutare se il suo problema non dipenda da alterazioni locali cutanee. Per le alterazioni immunitarie non sono sicuramente la persona pi— adatta per risponderle.

Dott. PASQUALE MARINARO
Medicina generale convenz.


Altre risposte di Pelle







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra