L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

04/07/2005 09:32:14

Sindrome di Menier

Mia moglie l'ha contratta da diversi anni, altrena periodi nei quali ne non risente ad altri nei quali ha crisi tremende di vomito e diarrea. Prende regolarmente il modiuretic e nei periodi di crisi le supposte torecam, avete qualche suggerimento dato da recenti scoperte?
Essendo questa la mia terza domanda, la prima per forti mal di mani specialmente ai pollici e la seconda per delle petecchie agli arti inferiori di mio figlio. Come faccio a conoscere la vostra risposta? Consulto il sito delle risposte dei vostri medici però non ho mai trovato traccia dei miei argomenti . Saluti e grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/07/2005

La malattia di Meniere presenta un quadro clinico che comprende Vertigine, riduzione dell'acuità uditiva, inizialmente fluttuante, acufene e sensazione di orecchio pieno. Il presupposto fondamentale è che sia stata effettuata una corretta diagnosi poichè non infrequentemente si utilizza il termine mal. di Meniere quale sinonimo di vertigine in generale. La cronicità della malattia e le scarse conoscenze riguardo la sua eziopatogenesi la rendono estremamente difficoltosa da trattare. Anche in questo caso la poco piacevole premessa è che non esiste un trattamento che offra realmente garanzie di successo nel miglioramento dell'andamento delle crisi. Il mio consiglio è di affidarsi alla valutazione di uno specialista otorinolaringoiatra o audiologo che possa intanto confermare la diagnosi e quindi aiutarla a trattare le fasi acute della malattia. LA terapia di cui leggo nella sua domanda è sicuramente di uso abbastanza comune ma non ha una dimostrata efficacia nel trattamento della malattia a lungo termine. Il torecan in particolare è un farmaco sintomatico da riservare esclusivamente alle crisi acute. La presenza di episodi sempre più ravvicinati o comunque di una sintomatologia più stabilmente invalidante potranno essere affrontate con l'ablazione medica del labirinto affetto. Anche in questo caso le consiglio di affidarsi ad uno specialista con esperienza in questo ambito che l'aiuterà senz'altro sia nella corretta indicazione a questo tipo di trattamento sia nella sua esecuzione.

Dott. Giuseppe Chiarella
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Audiologia e Foniatria
Specialista in Otorinolaringoiatria
CATANZARO (CZ)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra