L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

26/01/2006 09:29:11

Sospetto caso di tbc

Da circa 2 anni ho frequenti influenze con forti mal di testa e linfonodi della gola molto ingrossati e dolenti.l'inverno scorso ogni mese circa mi ammalavo.quest'anno va 1po meglio,sto seguendo una cura omeopatica,ma ancora sto male.ho fatto il mono test che è risultato negativo,tampone faringeo negativo..i valori della ves erano molto alti,47.fibrinogeno,colesterolo molto alti.inoltre si presentava un'infiammazione della tiroide.sono sempre molto stanca,la mattina mi alzo gia con un forte mal di testa,con questo tempo poi i linfonodi sono spesso gonfi.l'omeopata mi ha prescritto vari esami tra cui quello del dna.da questi esami ha dedotto che sono venuta a contatto con una persona infetta da tbc,la malattia non l'ho sviluppata ma sarebbe in circolo nel sangue,da qui il problema dei linfonodi che si ingrossano per autodifesa.mi ha prescritto una cura (lapacho e th2,un antinfluenzale)che ho iniziato i primi di ottobre e che tutt'ora sto facendo.ma è possibile una cosa del genere?ed è possibile guarire da una cosa del genere con cure omeopatiche?attendo risposta,grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/01/2006

Certamente, il medico omeopata ha fatto un buon lavoro, infatti molti dei suoi disturbi sono migliorati, duravano da due anni, il ragionamento in omeopatia comprende non solo quello della medicina convenzionale, ma anche quello omeopatico, quindi si arriva più facilmente a risolvere certi casi che srebbero altrimenti inspiegabili. Non riferisce quali esami del DNA le ha fatto fare e i risultati, ma è imoprtante conoscerli, con molta probabilità si è verificata anche una sensibilizzazione della tiroide, infatti il colesterolo alto ne è espressione. Invii gli esami praticati per un parere più preciso. Torni dal medico omeopata, perchè non ha terminato la progressione della sua terapia, per prima cosa ha voluto curare il problema più importante, poi successivamente trtterà anche il problema tiroideo, che con ogni probabilità è stato determinato dal virus di Epstein-Barr. Il irus va portato via, la medicina omeopatica ne è capace, avendo a disposozione moltissimi farmaci adeguati.


Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra