31/05/13  - Sospetto tumore ai polmoni - Apparato respiratorio

Sospetto tumore ai polmoni




Domanda del 31 maggio 2013
Salve scrivo per parlare della strana situazione di mio padre,sessantacinquenne ex fumatore (ha smesso 30 anni fa).
Da dicembre 2012 ha accusato la comparsa di dispnea da sforzo,dopo radiografia che parlava di addensamento disomogeno al lobo polmonare superiore destro,si è curato con abtibiotici senza risultati,dopo mesi di broncoscopie effettuate a marzo e aprile, negative per cellule maligne e scintigrafie negative,e dopo essere giunto a una situazione respiratoria sempre più grave al punto da utilizzare l'ossigeno, il 10 maggio ha fatto una pet
Referto: L'esame ha evidenziato lieve incremento dell'attività metabolica in corrispondenza del diffuso addensamento parenchimale del lobo superiore del polmone destro ( SUV 2.41). La piccola nodularità evidente alla TC di coregistrazione a livello del segmento apico-dorsale del lobo superiore del polmone sinistro non appare metabolicamente attiva.Non evidenza di ulteriori aree di iperattività metabolica a livello dei restanti segmenti corporei esaminati. I dottori dell'ospedale ci hanno mostrato le immagini della Pet supponendo un carcinoma bronchiolo alveolare,con poche speranze di vita per mio padre.CI hanno mandato a casa sconsigliandoci l'ago aspirato per le situazioni di gravi insufficienza respiratoria di mio padre,ma noi dopo 2 settimane,abbiamo fatto privatamente un ago aspirato il cui risultato è stato che per loro non c'è nessun tumore,ma che il quadro fa pensare ad un'infiammazione e di questo sono sicuri quasi al 100 per cento.(aspettiamo un referto scritto Che arriverà lunedi prossimo).
Io non ci capisco niente
Può essere che al Monaldi abbiano fatto un errore così clamoroso,mandandoci a casa senza speranze, nè per chemio nè per radio nè per eventuali operazioni???
SEcondo lei si può escludere il tumore dall'ago aspirato ??chi ha sbagliato diagnosi??I dottori dell'ospedale o il dottore che ha effettuato l'ago aspirato sotto tac??
La ringrazio
elena (napoli)
Risposta del 05 giugno 2013
In situazioni così complesse è difficile poter rispondere compiutamente alla sua domanda. Sicuramente l'agoaspirato può dare una risposta al quesito diagnostico, ma solo se risulta positivo per la presenza di cellule che determino con sicurezza la malattia. La negatività invece non esclude patologie (il prelievo potrebbe derivare da una zona del polmone non colpita) perciò è necessario leggere attentamente il referto citologico. Capisco che il discorso è complesso e pertanto il quadro va affrontato da un'equipe di pneumologi esperti.

Cordiali saluti

Dott. MASSIMILIANO MANZOTTI
Specialista attività privata
Specialista in Malattie apparato respiratorio
Specialista in Cardiologia
Reggio nell'Emilia (RE)

Il profilo di MASSIMILIANO MANZOTTI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Apparato respiratorio



Potrebbe interessarti
Bpco: l’attività fisica allunga la vita
Apparato respiratorio
22 marzo 2017
News
Bpco: l’attività fisica allunga la vita